Nasce l'alta velocità della fede
da Assisi a Pietrelcina

di Nico De Vincentiis

  • 1
Ogni anno scompare nel Sannio un piccolo paese di 1.600 abitanti. Tante le persone che in media abbandonano la provincia nel saldo statistico del 365mo giorno. Chi lascia non torna indietro, e gli anziani, nonostante la capacità che hanno di vivere a lungo (almeno quelli di una certa generazione), prima o poi accoglieranno serenamente la notizia che è prevista anche la loro morte.

La desertificazione, la denatalità e l'invecchiamento della popolazione sono temi salienti, mai così attuali, da affrontare con responsabilità e visione strategica. Si scopre che le prospettive di ripopolamento dei territori interni della provincia, con l'orizzonte fissato al 2036, sono legate quasi esclusivamente alla conclusione dei lavori per l'alta capacità ferroviaria. Lo stabilisce lo studio affidato alle sette università della Campania, capofila Unisannio, che fa capo al «tavolo» creato dalla Regione per accompagnare il programma di velocizzazione dei collegamenti ferroviari tra Puglia, Campania e Lazio.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 31 Marzo 2019, 14:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP