Trapianti di fegato senza referente:
​«A Caserta promesse disattese»

di Ornella Mincione

Caos per i trapiantati e i trapiantandi di fegato. «Avevamo avuto delle rassicurazioni dall'ex manager Ferrante, venute meno su tutta la linea. Ecco perché ho richiesto quanto prima un incontro al commissario Mariano, con cui spero di trovare una soluzione». A dichiararlo è Franco Martino, presidente dell'Aitf, l'associazione italiana Trapiantati di fegato della provincia di Caserta.

La storia è semplice. Con la quiescenza del primario del reparto di Gastroenterologia Guido Piai del primo agosto scorso, cui fa riferimento l'Uosd di Fisiopatologia epatica del progetto Satte (specifico per questi pazienti) e con il mancato rinnovo del contratto alla responsabile Giovanna Valente, scaduto il 15 agosto, dirigente medico specializzato per i pazienti trapiantati e trapiantandi da almeno dieci anni, c'è la massima allerta riguardo il passaggio di testimone dell'unità specializzata, ora assegnata a Rosario Cuomo.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 19 Agosto 2019, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP