Detenuto positivo al coronavirus:
rivolta nel carcere di Santa Maria

Lunedì 6 Aprile 2020 di Mary Liguori
Detenuto positivo al coronavirus: rivolta nel carcere di Santa Maria

C’era stata una tregua, nella notte, ma ora l’ira dei detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere ha ripreso vigore. È di nuovo il reparto Nilo, che ospita detenuti comuni, a guidare la protesta dell’Uccella. La battitura dei reclusi ha per scopo l’ottenimento di misure generali come l’indulto e l’amnistia. La furia dei detenuti di Santa Maria Capua Vetere è scoppiata ieri sera dopo che, in giornata, è stata ufficializzata la positività al coronavirus di un detenuto dell’alta sicurezza, il primo recluso campano con covid 19.

LEGGI ANCHE Coronavirus, mascherine per gli agenti fatte dai detenuti del carcere di Fuorni

Già nella serata di ieri, dal Nilo e dal Tevere si è levata la protesta che poi ha coinvolto anche altri reparti. Poi la tregua e, poco fa, la ripresa. I magistrati di Santa Maria Capua Vetere stanno valutando il da farsi. Il penitenziario casertano è una delle grandi carceri campane interessate dal problema del sovraffollamento: ospita mille detenuti a fronte di una capienza di ottocento posti. Prima del detenuto, sono stati trovati positivi al covid un medico e due infermieri.

Ultimo aggiornamento: 11:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA