Zinzi: «Impianto dei rifiuti,
dal sindaco solo bugie»

Mercoledì 13 Ottobre 2021 di Lia Peluso
Zinzi: «Impianto dei rifiuti, dal sindaco solo bugie»

A pochi giorni dalla chiusura della campagna elettorale per il ballottaggio, a tenere banco, a Caserta, tra i due sfidanti, Gianpiero Zinzi per il centrodestra, e Carlo Marino per il centrosinistra, è ancora una volta il tema della costruzione del biodigestore in località Ponteselice. Ad incalzare è stato Zinzi, affermando: «Sul biodigestore da Marino solo fumo negli occhi degli elettori. Il mio primo atto amministrativo sarà la revoca del biodigestore. Con noi non verrà ospitato né a Ponteselice né in nessuno luogo cittadino. Oggi Marino ha detto una clamorosa bugia. Afferma di voler cambiare la localizzazione del biodigestore a Ponteselice quando da poche ore ha firmato un nuovo atto, inviato alla Regione Campania, in cui conferma l'iter per l'impianto e paga i costi dell'istruttoria. Vi pare una cosa possibile? Non voglio fare una cosa, ma intanto la faccio e mi espongo pure a rischio giudiziario. Le parole se le porta il vento, quello che contano sono gli atti. E gli atti dicono - ha aggiunto Zinzi - che Marino obbedisce alla volontà del presidente De Luca, però nel frattempo getta fumo negli occhi dei casertani, a cominciare da quelli del quartiere Acquaviva. È solo la strategia disperata di chi sa che sta per perdere le elezioni».

La risposta a Zinzi sul biodigestore è giunta da Giovanni Zannini, consigliere regionale e presidente della VII commissione permanente Ambiente, Energia e Protezione civile che ha affermato: «La richiesta prospettata da Carlo Marino di spostare l'ubicazione del biodigestore in una località diversa da Ponteselice è certamente accoglibile e potrà essere valutata positivamente. Leggo tanta becera strumentalizzazione su un tema delicato rispetto al quale sono stato più volte sollecitato da Carlo Marino che ho personalmente rassicurato».

La replica di Zinzi rivolta a Zannini non si è fatta attendere ed ha detto: «Il paladino delle cave in soccorso del sindaco pinocchio sul biodigestore, che racconta una storia sul biodigestore a Ponteselice completamente diversa dagli atti che ha firmato, a braccetto col consigliere regionale paladino delle cave. Qui parlano gli atti. E quelli che sono stati inviati alla Regione Campania dal Comune di Caserta fino alle ultime ore confermano - ha continuato Zinzi - la volontà di realizzare il biodigestore in località Ponteselice. Hanno avuto mesi, settimane, giorni per compiere atti diversi, ma hanno scelto di non farlo. Sia il sindaco pinocchio che il presidente della commissione Ambiente, finito nel mirino, pochi mesi fa, di un suo collega di maggioranza in Regione per l'emendamento a favore delle cave. Questi sono gli uomini del centrosinistra che oggi vogliono realizzare il biodigestore. Se Zannini vuole fare davvero qualcosa di utile - ha concluso il candidato del centrodestra - ci spieghi il motivo del suo impegno a favore della proroga alle attività estrattive a Caserta, città dove non vive. Ci racconti cosa lo lega così tanto e con tanto interesse alle cave».

LEGGI ANCHE Elezioni: ballottaggio Marino-Zinzi, a Caserta nessun patto con le liste

Zinzi sta trascorrendo gli ultimi giorni di campagna elettorale in giro per Caserta, toccando le frazioni ed i rioni ma senza mancare di controllare le mosse dell'avversario e ad innescare un nuovo scontro è stato un video di campagna elettorale lanciato dalla coalizione di centrosinistra attraverso il quale si chiede a delle persone che compaiono in questo video se conoscono Zinzi e poi invitando a votare Marino. Un video definito da Zinzi volgare ed ha aggiunto: «Dopo una giornata a cancellare commenti negativi, dopo averci fatto guadagnare moltissimi voti, ieri sera Marino ha cancellato il video che per un giorno ha fatto rabbrividire la città. Un video di offese volgari e gratuite, ma soprattutto un prodotto di altissima fattura comunicativa che merita di restare negli annali della politica cittadina. Per questo ve lo restituiamo noi. Più passano le ore, più lo guardiamo, più ne siamo affascinati. Grazie Marino per farci tu la campagna elettorale, ah, ieri sera, mi ha definito bambolotto». Nella giornata di oggi sono previsti altri confronti e soprattutto Zinzi continuerà a rimarcare le differenze tra la sua coalizione e quella di Marino, definito come il passato rispetto al rinnovamento rappresentato dal centrodestra.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA