Blitz degli attivisti, sacchetti contro De Luca:
​rinviata la firma dell'accordo ad Acerra

Sabato 30 Novembre 2019

Gli attivisti del Comitato Stop Biocidio hanno contestato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante la sua visita ad Aversa, lanciandogli contro anche qualche sacchetto di immondizia senza, tuttavia, colpirlo (un sacchetto lo ha sfiorato). De Luca si era recato nella città per la firma del Pics (Programmi Integrati Città Sostenibili). Sulla loro pagina Facebook, gli attivisti scrivono che «dopo un'estate che ha visto decine e decine di roghi tossici, questo personaggio si permette ancora di dire che la Terra dei Fuochi non esiste, che non è un problema. Non esiste altra strada, o lui o la nostra terra». Gli attivisti erano in cinque e sono stati identificati. «Una vera e propria aggressione squadrista nei nostri confronti», ha detto De Luca. 

LEGGI ANCHE Emergenza rifiuti a Napoli, strade come discariche. l'Asìa: siamo in affanno

«Solidarietà al governatore De Luca. Dispiace che pochi facinorosi, arrivati da fuori città, abbiano macchiato questa giornata importante per Aversa che ha firmato l'accordo di programma sui Pics». Così il sindaco di Aversa Alfonso Golia, commenta la contestazione al governatore De Luca. Golia si rammarica per quanto avvenuto, anche perché De Luca aveva avuto un primo colloquio con i rappresentanti delle associazioni ambientaliste. «In aula consiliare - spiega Golia - De Luca aveva ascoltato e colloquiato con grande tranquillità con gli esponenti dei comitati ambientalisti. Non è con azioni di questo tipo che si fanno valere le proprie idee», conclude Golia. La Polizia di Stato - Commissariato di Aversa - procederà all'identificazione dei responsabili, anche tramite dei filmati.

Per i fatti avvenuti ad Aversa è stata rinviata la firma dell’Accordo di Programma relativo all’Autorità urbana di Acerra per i PICS Programmi Integrati Città Sostenibile previsti dal PO FESR Campania 2014/2020, tra il presidente della Giunta Regionale della Campania e il Sindaco di Acerra Raffaele Lettieri. «Abbiamo compreso le motivazioni dell’assenza del Presidente. Siamo dispiaciuti che chi è impegnato ad essere nei comuni per firmare gli accordi per i territori si trovi in questo tipo di situazioni. Non conosciamo le ragioni di questi gesti così eclatanti, ma niente giustifica certe azioni soprattutto quando sono fatte a danno di chi va nei territori per firmare protocolli che servono ai comuni per la riqualificazione dei territori»

 

Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 08:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA