Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Si fingeva figlio o nipote al telefono,
preso il truffatore seriale degli anziani

Venerdì 10 Giugno 2022 di Biagio Salvati
Si fingeva figlio o nipote al telefono, preso il truffatore seriale degli anziani

«Sono tuo nipote, nonno» (o nonna a seconda dell'interlocutore). Iniziavano così i raggiri via telefono da parte di un uomo della provincia di Napoli che aveva scelto anziani casertani per poter mettere a segno le sue truffe, ma non esitava a fingersi addirittura il figlio delle vittime. Persone vulnerabili, vista l'età avanzata, che sempre più spesso cadono in trappole tese da personaggi senza scrupoli. Come il truffatore arrestato dai carabinieri di Caserta nell'ambito di una inchiesta della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. Secondo gli investigatori tra la fine del lockdown e l'inizio dell'anno scorso avrebbe messo a segno ben dodici truffe ai danni degli anziani per un valore di 40mila euro tra denaro liquido e preziosi.

Per lui sono scattati gli arresti domiciliari. Non avrebbe agito da solo in quanto è indagato insieme ad altre persone ancora in corso di identificazione. Prima di colpire l'uomo sceglieva la località in cui agire e, forse grazie ad appostamenti o pedinamenti delle vittime, decideva quella più fragile da colpire presentandosi come un parente, spesso come un nipote. Prese alla sprovvista, le vittime cadevano nella trappola del truffatore abile a raggirare e a dare spiegazioni plausibili: la classica scusa è il pacco che deve arrivare a casa da parte di un corriere o un postino a cui corrispondere una certa somma. Nell'occasione l'uomo riusciva anche ad entrare in casa e rovistare nei cassetti per rubare monili o altri soldi. Ma è accaduto anche che il pacco sia stato pagato in preziosi tenuti in casa in mancanza di disponibilità di banconote.

Le truffe sono state commesse tra il capoluogo, Santa Maria Capua Vetere, Maddaloni ma anche comuni dell'Alto Casertano. Nel corso delle indagini sono stati acquisiti elementi ed informazioni importanti che hanno permesso ai carabinieri anche di scongiurare altri due tentativi di truffa. I militari, allertati da una segnalazione, si sono infatti presentati a casa della vittima ma i malviventi hanno fatto in tempo a fuggire. Le truffe commesse dal napoletano, come detto, sono state commesse durante un periodo dell'emergenza nazionale per la pandemia. Ma al tempo del Covid, come risulta da precedenti inchieste, non potevano mancare nemmeno le truffe telefoniche legate ai finti vaccini e alle cure mediche per pazienti affetti da Coronavirus. Gli investigatori fanno sapere in quei mesi, con la scusa degli uffici chiusi per pandemia o che ricevevano solo per appuntamento, sono aumentati i casi di truffe telefoniche dove sono presi di mira soprattutto gli ultraottantenni. Tra le ultime truffe quelle che avevano come scopo la possibilità di ricevere il vaccino anti Covid con il pagamento di una determinta cifra. Per non parlare di falsi volontari che si proponevano di procurare il vaccino o di accompagnare gli anziani a prelevare la pensione.

C'è anche chi ha messo a segno una truffa informatica ai danni di una coppia di anziani: un 34enne attualmente sotto processo, fingendosi dipendente dell'istituto di credito in cui la coppia aveva aperto il conto corrente, riuscì ad impossessarsi di 20mila euro di risparmi. L'indagine partì da Brughiero ma la competenza territoriale fu di quella di Santa Maria Capua Vetere dove era stato commesso il reato.

Ultimo aggiornamento: 22:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA