Crollo del Pil, Lauro (Unimpresa):
«Misure drastiche per ripartire»

Venerdì 31 Luglio 2020

«Il crollo del pil, dopo mesi di improvviso arresto di tutte le attività produttive, dei servizi e del commercio, era inevitabile e purtroppo atteso. Siamo a un punto di non ritorno: il governo deve prendere atto del dramma in cui si trova l’economia italiana, peraltro in un contesto macroeconomico mondiale identico, e varare immediatamente misure drastiche per consentire al Paese di ripartire».  Lo dichiara il segretario generale di Unimpresa, Raffaele Lauro, commentando i dati relativi al pil diffusi oggi dall’Istat.

LEGGI ANCHE Gran Sasso, incendio sul bus sotto il traforo: bloccata la viabilità

Secondo Lauro «bisogna intervenire sul fronte fiscale, abbattendo il più possibile il peso delle tasse sui redditi, sia su quello della burocrazia, cancellando qualsiasi ostacolo alle iniziative economiche. Solo così è possibile gettare le basi per un salto di qualità degli investimenti, del rilancio della spesa privata e di quella pubblica, dei consumi e quindi dell’occupazione. In assenza di interventi importanti e urgenti, usciremo anestetizzati dall’estero e ci troveremo nel caos dell’autunno a contare i fallimenti di imprese e i posti di lavoro persi».

Ultimo aggiornamento: 15:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA