Deficit più alto, scattano tagli per 2 miliardi

Deficit più alto, scattano tagli per 2 miliardi
ARTICOLI CORRELATI
Il deficit pubblico 2019 che a dicembre era stimato al 2,04% del Pil viene ora rivisto al 2,4% per effetto del rallentamento dell’economia: sarebbe anzi al 2,5% se non fosse stato deciso di confermare il congelamento di spese dei ministeri per 2 miliardi. Il saldo strutturale (quello rilevante ai fini europei) dovrebbe peggiorare dello 0,1% rispetto al 2018, risultando però in lieve miglioramento se si tiene conto della clausola “eventi eccezionali”. Il disavanzo tornerebbe a scendere in rapporto al prodotto nel 2020 (1,8%) e poi negli anni successivi. Secondo il ministero dell’Economia la riduzione del disavanzo strutturale da qui al 2022 sarebbe «in linea con una graduale convergenza verso il pareggio».

Governo, via libera al DEF: crescita al palo e debito in salita

Via libera al Def, c'è la flat tax: battaglia sull'Iva

 
Mercoledì 10 Aprile 2019, 08:10 - Ultimo aggiornamento: 10-04-2019 10:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP