Reddito, già arrivate 900.000 domande. Inps: «Una su 4 viene rifiutata»

Reddito, già arrivate 900.000 domande. L'Inps: una su 4 viene rifiutata
ARTICOLI CORRELATI
Le domande per il reddito di cittadinanza e per Quota 100 stanno procedendo ad un buon ritmo e sostanzialmente sono proiettate verso i traguardi prefissati nelle stime che hanno accompagnato l'introduzione delle due misure, con la legge di bilancio ed il relativo decretone dopo. Ad assicurarlo è il presidente dell'Inps, Pasquale Tridico, che fa il punto sullo stato dell'arte: ad oggi per il reddito sono arrivate richieste da 900 mila nuclei familiari, «un buon risultato», sottolinea; per l'accesso alla pensione anticipata da oltre 122 mila persone, «come ci aspettavamo». E se anche dovesse registrarsi un rallentamento, gli eventuali risparmi di spesa resteranno sul capitolo sociale e previdenziale.

Esodo del 25 aprile con il caro-benzina: punte di 2 euro/litro in autostrada

 


Un risparmio potrebbe infatti riguardare proprio il Reddito di cittadinanza e aggirarsi intorno ad un miliardo di euro. Il perché è nei numeri stessi: finora, come indicato da Tridico parlando a Radio capital, sono state presentate le domande da 900 mila nuclei familiari, che corrispondono a circa 2,7 milioni di persone; la stima nella relazione tecnica della manovra parla di 1,3 milioni di nuclei beneficiari dell'Rdc. Le domande sono partite il 6 aprile. «In un anno si può arrivare a 1,2-1,3 milioni di nuclei e quindi a quasi 4 milioni di componenti», dice il nuovo numero uno dell'Istituto, indicando che, se i numeri sono questi, il costo è di «circa 7 miliardi».

Quindi «se il costo si stabilizza su una misura inferiore, ipotizziamo di un miliardo», quel tesoretto «dovrebbe rimanere sul sociale. Come già detto da Di Maio, l'idea sarebbe di inserirlo nel pacchetto sociale, come sussidio alle famiglie e agli asili nido». In ogni caso, precisa Tridico, il risparmio potrebbe arrivare più come conseguenza delle bocciature delle richieste presentate, per la mancanza dei requisiti necessari, che dal numero delle domande: «il tasso di rifiuto è del 25%». Tra fine aprile e inizio maggio saranno accreditati i primi pagamenti sulla nuova carta Rdc: l'importo medio è di 520 euro a famiglia, sottolinea Tridico, rimarcando che soltanto il 7,4%, «veramente poco», percepirà tra i 40-50 euro, mentre per il 71% l'importo sarà dai 300 euro in su; il 5,4% oltre i 1.000 euro. Oltre la metà degli importi viaggia comunque fino ai 500 euro.

Anche per quanto riguarda Quota 100, la possibilità di andare in pensione anticipata con almeno 38 anni di contributi e 62 anni di età, prevista per il triennio 2019-2021, il nuovo presidente dell'Inps dice che «è assolutamente sostenibile» e ribatte così all'attacco più volte sollevato dall'ex presidente Tito Boeri. È una misura «giusta», dopo «l'ingessatura» creata dalla legge Fornero, ed è «per un periodo limitato»: «Tra tre anni si vedrà quale potrebbe essere la nuova misura di flessibilità». Ad oggi le domande arrivate all'Inps sono oltre 122 mila e Tridico respinge anche la proiezione della Cgil secondo cui Quota 100 nel 2019 coinvolgerà meno della metà della platea prevista (128 mila persone rispetto a 290 mila stimate). «Sono rimasto molto sorpreso. Siamo al primo trimestre»: se questo numero «lo replichiamo per i successivi trimestri, non penso che siamo lontani dai 290 mila». E comunque, se anche qui ci fosse una minore richiesta, i risparmi «per legge devono rimanere nel capitolo previdenza». Altra questione, la pensione per i giovani «su cui riflettere. La pensione di cittadinanza è una possibile soluzione» e «potrebbe diventare una pensione di garanzia magari allentando i requisiti» per allargare la platea.
Mercoledì 24 Aprile 2019, 18:46 - Ultimo aggiornamento: 24-04-2019 20:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP