Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Precompilata, da martedì si potrà inviare la dichiarazione dei redditi: le scadenze e come fare

E' già a disposizione on line dei contribuenti da una settimana

Domenica 29 Maggio 2022
Precompilata, da martedì si potrà inviare la dichiarazione dei redditi: le scadenze e come fare

Precompilata, da martedì 31 maggio si potrà inviare la dichiarazione dei redditi, già a disposizione on line dei contribuenti da una settimana. I contribuenti, dal pc di casa, gratuitamente, senza bisogno dell’assistenza di un commercialista o di un Caf, dopo aver fatto l’accesso con Spid o Carta di identità elettronica (Cie) sul sito dell'Agenzia delle entrate, potranno quindi modificare e mandare al fisco la dichiarazione precompilata. Da quest’anno si potrà anche affidare la gestione e l’invio della pratica a un familiare.

Statali, stipendi fermi: crescono solo quelli dei privati. Dal 2008 aumenti minimi per il pubblico

Le scadenze

La trasmissione del modello dovrà avvenire entro il 30 settembre per chi presenta il 730 ed entro il 30 novembre per chi invece utilizza l’applicazione Redditi web riservata a chi ha percepito redditi di impresa o da lavoro autonomo.

La delega

Da quest'anno, per agevolare i contribuenti che hanno difficoltà ad accedere alle informazioni e ai servizi sul web, sarà possibile delegare a una persona di fiducia la precompilata maanche altre pratiche come consultare il cassetto fiscale e i dati ipotecari e catastali o richiedere il duplicato della tessera sanitaria. Per affidare la gestione della propria dichiarazione a un familiare sarà possibile dare una procura al coniuge o a un parente entro il quarto grado e inviarla direttamente online attraverso un modello disponibile sul sito dell’Agenzia, allegando copia della carta d’identità del rappresentante (il modulo potrà essere mandato anche via pec a una qualsiasi direzione provinciale delle Entrate).

Non è necessario che la persona delegata sia un familiare

Sarà possibile scegliere anche una persona di fiducia diversa da un familiare, ma sarà necessario andare in un ufficio dell’Agenzia per farsi identificare. C’è anche la possibilità, per chi a causa di una malattia non potrà presentarsi fisicamente nelle sedi dell’amministrazione fiscale, di far consegnare direttamente la procura alla persona scelta come rappresentante. In questo caso bisognerà però portare anche un’attestazione del medico di base. Precompilata più semplice infine anche per gli eredi, che da quest’anno potranno richiedere l’abilitazione necessaria per accedere alla dichiarazione del familiare direttamente online.

I dati

Il Fisco, in base alle informazioni in suo possesso, ha già inserito 1 miliardo e 200 milioni di dati nelle precompilate degli italiani (in forte aumento rispetto ai 160 milioni del 2015, anno di avvio del sistema fai da te). Il numero dei contribuenti che hanno effettuato direttamente l’invio dei modelli è cresciuto fino a toccare nel 2021 quota 4,2 milioni, il triplo rispetto a sette anni fa (quando erano stati 1,4 milioni). In costante aumento è anche la percentuale dei 730 inviati senza modifiche, che lo scorso anno si è attestata al 22,3% del totale (nel 2015 era pari al 5,8%). La maggior parte dei dati già caricati è riferita alle spese sanitarie, saliti dai 718 milioni di 12 mesi fa a oltre 1 miliardo (+40%). Gli incrementi più rilevanti si registrano alla voce “bonifici per ristrutturazioni”, salita a oltre 10 milioni (+36% rispetto al 2021), e “contributi lavoratori domestici”, con 3,8 milioni di dati (+14%). Ma la crescita più significativa in assoluto è rappresentata dai dati relativi alle spese scolastiche - 458mila a fronte dei circa 4.600 dello scorso anno - e da quelli sulle erogazioni liberali, quasi triplicati e passati da 550mila a oltre 1 milione e 600mila.

Ultimo aggiornamento: 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA