Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'effetto della guerra sull'Italia: cosa costerà di più e quali prodotti potrebbero diventare introvabili

Venerdì 25 Febbraio 2022
L'effetto della guerra sull'Italia: cosa costerà di più e quali prodotti potrebbero diventare introvabili

L'aumento del prezzo del carburante o del gas, non saranno gli unici effetti tangibili della guerra in Ucraina sull'Italia. Presto il conflitto si ripercuoterà anche sui generi alimentari. A subire gli effetti dell'inflazione saranno soprattutto i derivati del grano, come il pane e la pasta. L'Ucraina esporta tonnellate di grano in tutto il mondo ogni anno. È stimato che nel 2021 l'Italia abbia ricevuto da Kiev più di un milione di tonnellate, ossia circa il 20% delle importazione.

Venendo meno le forniture, aumenterà dunque il prezzo dei derivati, che in qualche caso potrebbero essere anche difficili da reperire. Saliranno costi di farine, dei biscotti, il prezzo del pane potrebbe raddoppiare e anche la pasta sarebbe un bene non più a buon mercato. 

Guerra Russia Ucraina, Draghi: «Sono i giorni più bui della storia europea. Zelensky nascosto, ci ha detto "non ha più tempo"»

Chernobyl, ecco perché i russi l'hanno conquistata subito: l'incubo nucleare e la via (più rapida) che porta a Kiev

 

Non solo il grano: a rischio anche il mais

Il grano non è l'unico bene importato dall'Ucraina. A subire gli eventi della guerra sarà anche il mais, che già prima del conflitto era aumentato nel prezzo del 50%. Il mais ucraino rifornisce gli allevamenti italiani. Aumentando il costo della materia, aumenterà di conseguenza anche il costo di carne e latte. I bombardamenti hanno fatto registrare già i primi rincari. «Per fortuna i mesi più freddi sono alle spalle e il clima mite ci fa guardare al futuro con più serenità», ha detto oggi Draghi. Il riscaldamento, almeno quello, non sarà un problema almeno fino al prossimo novembre. 

Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio, 09:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA