Whirlpool via da Napoli, ultimatum di Di Maio: «Dietrofront o basta aiuti»

di Francesco Lo Dico

  • 1037
Whirlpool leva le tende e lascia sul lastrico 420 lavoratori napoletani, che potrebbero salire a più di mille se si considerano le imprese dell'indotto. La notizia è piombata sul ministero dello Sviluppo con la stessa irruenza di un macigno. Appena sette mesi fa, l'accordo quadro siglato dal Mise con la multinazionale e i sindacati che prevedeva il salvataggio di 792 lavoratori a rischio licenziamento a carico dello Stato e un piano industriale triennale da 250 milioni a carico dell'azienda, era stato salutato da Luigi Di Maio come un trionfo personale: «Siamo riusciti a ottenere zero esuberi e un ritorno delle produzioni dalla Polonia all'Italia», aveva annunciato su Facebook il 25 ottobre. Ma l'improvvisa retromarcia del colosso degli elettrodomestici ha lasciato di sale il ministro, che è montato su tutte le furie. «È una truffa, un'assurdità. Whirlpool ha tradito la fiducia del governo», sarebbe stato lo sfogo consegnato ai suoi più stretti collaboratori.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Domenica 2 Giugno 2019, 09:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP