Adrian Celentano si confessa in tv: «Perdono, ho illuso Canale 5». Poi una frase sessista indigna il web

ARTICOLI CORRELATI
di Alessio Esposito

11
  • 1423
«Ho illuso Canale 5, ma avevo detto che potevo anche non esserci». Nel corso di “Aspettando Adrian”, il pre-show che precede la messa in onda della serie animata, Adriano Celentano ha parlato solo attraverso la grata di un confessionale, ascoltato dal “frate” Nino Frassica. Così Celentano si è confessato: «Padre, ho peccato, ho illuso Canale 5. Ma io avevo detto che potevo esserci o non esserci».

Il Molleggiato ha poi proseguito: «Che poi è quello che sta succedendo adesso, tipo quello lì che c’è ma poi non c’è. Forse perché sono in tre. Ho peccato di taciturnità molesta? È così grave? Dove si trova un prete Mediaset? Ora sono tutti Rai. Ormai fanno le stesse cose, quello che fa la Rai lo fa anche Mediaset». E "Padre Frassica" ha chiuso la confessione esclamando: «Allora ti assolvo a reti unificate!».

GUARDA ANCHE Social scatenati sul caso Adrian, ma cosa farà stasera Celentano in tv?

Celentano si è poi fatto rivedere in seguito, acclamatissimo dal pubblico, ma restando nel suo classico silenzio. Lasciando il palco poco dopo, mentre Giovanni Storti (del trio Aldo, Giovanni e Giacomo) intratteneva la platea. Un’apparizione provocatoria, un messaggio chiaro dopo le polemiche scatenate dalla prima puntata.
Finita la diretta dal teatro Camploy di Verona, è cominciata la seconda puntata di Adrian. Ma una scena ha trovato il modo di accendere nuovamente la polemica sui social: due ragazze vengono aggredite da un gruppo di malviventi, ma l’intervento di Adrian – mascherato dal giustiziere ribattezzato la “Volpe” – le salva dalla violenza. La frase «se aveste bevuto qualche bicchiere di meno avreste evitato l’approccio con dei tipi poco raccomandabili» non è però piaciuta al popolo del web, che ha immediatamente bollato come «sessista» il messaggio contenuto. Adrian continua a far discutere: Celentano provoca sul palco e la serie animata alimenta il dibattito sui social. Dopo due serate dall’alto tasso polemico Canale 5 può tirare il fiato. Almeno fino a lunedì prossimo.
Martedì 22 Gennaio 2019, 22:47 - Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio, 11:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 11 commenti presenti
2019-01-23 12:36:49
Tutti i giorni ci sono notizie che riportano le violenze sulle donne uccise, stuprate o violentate . Che lo dicono i giornali che ne parla in TV a Pomeriggio 5 o a La vita in diretta è solo una notizia buttata li per fare odiens. Alla fine che cosa avrebbe mai detto ha dato un consiglio che se non avessero bevuto qualche bicchiere di meno avrebbero evitato l’approccio con dei tipi poco raccomandabili. Quante donne vengono stuprate da animali (perchè di uomini non si può parlare) che approfittano della loro vullerabilità. Noi napoletani siamo talmente ipocriti che vogliamo nascondere addirittuta l'esistenza della Camorra. C'è ed esiste lo sa tutto il mondo ma guai se tutto il mondo ci tocca e parla di Camorra dobbiamo essere solo noi a parlarne perchè se anche un cantante, un attore, uno show man come Celentano ne parla si scatena il mondo intero. Adriano lo sappiamo tutti nei suoi spettacoli ha sempre parlato del sociale e di quello che accade in italia facendolo senza giri di parole in maniera nuda e cruda come lo ha sempre fatto per far si che il suo messaggio arrivi a tutti, che vogliamo fare cambiare un uomo di 81 anni solo perche dice queste cose tra l'altro anche vere? Voglio ricordare che Adriano Celentano non è l'unico nel suo genere in italia e nel mondo un suo simile è il front man degli U2 Bono Vox quante canzoni ha scritto contro la politica, contro le guerre, contro l'apartheid, contro la fame nel mondo, contro la violenza.

QUICKMAP