Passaporto vaccinale, il sì di palestre e piscine: «Così si rilancia lo sport»

Domenica 24 Gennaio 2021 di Valeria Arnaldi

Piscine chiuse. Circoli con impianti sportivi inutilizzati. Palestre inaccessibili. Realtà imprenditoriali al collasso. E la richiesta di strumenti, come il passaporto vaccinale, per riaprire in sicurezza. Presto. «Sì al passaporto vaccinale e a qualsiasi strumento riconosciuto dai sanitari che consenta di riaprire presto e tornare alla normalità - dichiara Giorgio Averni, presidente del circolo Antico Tiro a Volo, a Roma - Ricevo continuamente telefonate di persone che vorrebbero poter accedere agli impianti sportivi e nonostante sappia bene quanto, in particolare per alcune, sarebbe importante e utile, sono costretto a dire no». A preoccupare è anche la situazione politica attuale. «Tutto quello che distoglie dai problemi veri è deprecabile - prosegue - non voglio dire che ci sia un'attenzione deliberatamente spostata su altro, ma la pandemia è un problema che ogni persona vive sulla propria pelle. Si dovrebbe guardare prima al benessere della gente e poi al dibattito politico, che peraltro dovrebbe avere come fine ultimo proprio il benessere delle persone».

Vaccino Astrazeneca, perché l'Europa è lenta a dare il suo via libera?

Covid, Lazio: «Sì al vaccino russo Sputnik 5», l’immunità solo nel 2022

La questione è anche sociale. «Il passaporto vaccinale sarebbe, certamente, un bel mezzo per riaprire le attività - commenta Paolo Barelli, presidente Federazione Italiana Nuoto - occorre che ci siano i vaccini. Stando alle stime dei tecnici, forse per luglio avremo una percentuale alta di vaccinati. Temo, però, che a quel punto molte piscine saranno fallite. Lo sport non è solo quello dei grandi campioni, è un elemento essenziale per il benessere psicofisico delle persone e mi pare che questo sia stato dimenticato dalla politica». A ciò si aggiunge la questione economica. «Un impianto di medie dimensioni - spiega - ha, in media, come costi fissi circa 30/40mila euro al mese. Stiamo parlando di quasi mezzo milione in 12 mesi, ossia da quando le strutture sono chiuse. E per gli impianti grandi, i costi salgono a 60/70mila euro mensili. Come si può resistere così? Ad oggi, il 70% degli impianti per il nuoto è chiuso e la metà non riuscirà a riaprire. Il problema ci sarà anche in ottica agonistica. Ci sono ragazzi che si impegnavano costantemente, andando la mattina a scuola e il pomeriggio in piscina, che ormai da mesi non possono più farlo».


LE DIFESE IMMUNITARIE
Stessa opinione per Marco Bisciaio, Referente nazionale Parkour-Federazione Ginnastica d'Italia: «Ben venga il passaporto vaccinale. Chiudere le palestre è stato un errore: lo sport rafforza le difese immunitarie ed è importante pure a livello psicologico. Inoltre, le varie strutture hanno lavorato per mettere in sicurezza i locali. Ci sono bimbi tra i 5 e i 7 anni, ad esempio nella ginnastica artistica, che stavano facendo attività preparatoria all'agonismo. Se non consentiamo loro di farla per un anno o due, i risultati li vedremo tra un paio di Olimpiadi. In altri Paesi, la preparazione è andata avanti». Servono interventi concreti. E rapidi. «Da cittadina ammetto che il passaporto vaccinale mi pare una forzatura perché tocca la privacy - commenta Laura Filipponi, responsabile Lungotevere Fitness, a Roma - ma è benvenuto se serve per far ripartire le attività, che ormai, in molti casi, sono al collasso economico e psicologico. Siamo chiusi da un anno e, con il Decreto Ristori, abbiamo ricevuto 4000 euro e poi altri duemila. Una somma insufficiente a coprire le spese. C'è chi non se ne cura e va avanti non pagando. E c'è chi, non riuscendo a mantenere gli impegni presi, giunge a gesti estremi come il suicidio».
Il tema delle palestre è ampio e coinvolge tante attività differenti. «Sì al passaporto vaccinale e agli strumenti per riaprire in sicurezza - dice Deborah Carravieri, istruttrice Difesa Donna presso Bono Academy-Sesto San Giovanni - da quando sono state chiuse le palestre, abbiamo dovuto sospendere l'insegnamento delle tecniche di difesa personale, le violenze però non si sono fermate, anzi, l'isolamento in casa ha peggiorato molte situazioni».

Video


 

Ultimo aggiornamento: 20:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA