Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sorelline uccise dall'albero sulla tenda: il dramma all'ultimo giorno di mare

Lunedì 31 Agosto 2020 di Giacomo Nicola
Sorelle morte in tenda a Marina di Massa: era l'ultimo giorno di vacanza

Tutti gli anni in estate tornavano in vacanza in Marocco, il loro Paese di origine. Ma quest'anno no. Il Covid aveva cambiato i loro programmi. Alla fine avevano deciso di trascorrere le vacanze in Italia. E avevano posticipato di un giorno il loro rientro proprio per il maltempo. Una serie di coincidenze fatali che ha distrutto una famiglia. Fatima e Hicham Lassiri e i loro figli erano a Marina di Massa. Ma proprio qui, nel campeggio che avevano scelto, ieri mattina le raffiche di vento fortissimo e la pioggia hanno abbattuto un albero che è crollato sulla tenda dove dormivano Malak Lassiri, 14 anni, e Jannat, 2 anni e mezzo.

Due sorelline morte in campeggio a Marina di Massa, albero travolge la tenda, fratello e genitori illesi


La più piccola è morta sul colpo, la sorella poco dopo il ricovero in ospedale. «Sarebbero dovuti rientrare sabato, ma avevano deciso di aspettare ancora un paio di giorni», dicono i vicini sconvolti. Pare proprio per il maltempo. Malak era una judoka, allieva della scuola Jigoro Kano di via Valdellatorre, aveva ottenuto diversi risultati nella sua categoria e intendeva seguire le orme della sorella più grande, di 19 anni, qualificata alle competizioni giovanili regionali di judo con la stessa società sportiva.
 

 


La famiglia Lassiri, oltre ai genitori e le due figlie morte c'erano anche gli altri due figli di 19 e 9 anni, erano partiti una decina di giorni fa. Avevano usato il bonus vacanze. «Non sapevamo fossero andati in Toscana», dicono i vicini di casa, a Torino dove vivevano. «Andavano sempre solo in Marocco. Partivano a metà luglio per raggiungere i parenti in Francia e poi a casa in Marocco». Ma quest'anno avevano scelto il campeggio Verde mare per le vacanze.

LE INDAGINI
La procura di Massa e Carrara ha aperto un'inchiesta sul crollo dell'albero. Primo atto, il sequestro giudiziario dell'area dell'incidente, dell'albero caduto e della tenda oltreché degli oggetti. Alcuni rami di altri alberi sono stati tagliati per paura di ulteriori crolli. La Procura nominerà un consulente tecnico, un agronomo esperto, in grado di verificare le condizioni del pioppo sradicato dalla tromba d'aria. Si cerca di capire se quell'albero dovesse essere abbattuto dai proprietari del camping perché pericoloso.

La famiglia marocchina era arrivata circa una settimana fa in Toscana per una vacanza al mare. I villeggianti che avevano il bungalow vicino a quello dove dormivano i genitori delle bambine sono sconvolti. «Il destino è davvero crudele. Se la tenda fosse stata solo un metro più in là la tromba d'aria non l'avrebbe travolta. Il rumore è stato forte. Pensavamo fosse il cofano di un'auto che si chiudeva invece poi abbiamo sentito le urla. Tutto potevamo pensare tranne che alla caduta di un albero, quando abbiamo sentito gridare, non ce l'abbiamo fatta ad andare a vedere cosa fosse successo».

Nella tenda erano in sette, le tre sorelle, il fratello, i genitori e uno zio. La bimba più piccola è rimasta gravemente ferita ed è morta nonostante i tentativi di rianimazione. La sorella di 14 anni è morta invece alle 11.30, dopo essere stata ricoverata in ospedale. «Abbiamo tentato di tutto per salvarla, ma le sue condizioni sono apparse subito disperate», hanno spiegato i medici all'ospedale di Massa. I genitori hanno dato l'autorizzazione all'espianto degli organi.

MESSAGGI DI CORDOGLIO
Nel pomeriggio di ieri è arrivato il messaggio di cordoglio della sindaca di Torino Chiara Appendino. «Erano nostre concittadine. Una tragedia che lascia scossa tutta la nostra comunità, a nome della quale esprimo profonda vicinanza alla famiglia». Vicinanza alla famiglia delle due bambine è stata manifestata anche dal presidente della Regione, Enrico Rossi. «Su tutta la Toscana si è abbattuta un'ondata di maltempo tipica del periodo estivo e soprattutto delle estati di questi ultimi anni, che ha insistito in modo particolare nel Nord-Ovest della regione e che stiamo continuando a monitorare attentamente in queste ore». Il premier Giuseppe Conte ha mandato a sua volta un messaggio di cordoglio attraverso Twitter. «La tragica scomparsa delle due sorelle che erano in vacanza a Marina di Massa ci addolora profondamente. Una vacanza tramutata in tragedia. Un forte, commosso abbraccio ai genitori e ai loro familiari».
 

Ultimo aggiornamento: 16:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA