Napoli è troppo grande, non si può dimenticare

Martedì 24 Maggio 2022
Napoli è troppo grande, non si può dimenticare

Gentile direttore, Napoli è stata riscoperta dal mondo? Nel bene e nel male si parla di Napoli. Se una fiction, un film, uno sceneggiato sono ambientati a Napoli hanno garanzie di successo. Come meta di turismo, non solo italiano, Napoli è nella zona alta della classifica. Anche la politica l’ha riscoperta. Il Forum Ambrosetti ha scelto Sorrento per riunirsi, alla presenza di Draghi e di tutti i big. Il presidente Mattarella ha celebrato quest’anno il 25 aprile ad Acerra, alle porte di Napoli. L’Italia non aveva conoscenza di quella strage nazista, per una Storia sempre troppo spostata al Nord. Persino l’immortale Berlusconi ha riscoperto Napoli. Ora scende di nuovo in campo in politica. A Napoli. Pranza a Marechiaro e Cicciotto gli dedica il brano di Toto’” Malafemmena”, che lui traduce in simultanea alla compagna. Napoli insomma è il top. Ma è tutta vera gloria per Napoli? Sa, la Storia ci ha resi diffidenti.

Dott. Giuseppe Gallo
Napoli

 

Caro dottor Giuseppe Gallo, Napoli non è stata riscoperta. Napoli è sempre stata meta amata, desiderata. Napoli e sempiterna, non passa mai di moda. Quante canzoni, quante poesie sono state dedicate a Napoli? Napoli è una sirena. A quali altre città sono state dedicate così tante parole dolci, d’amore, di passione come Napoli? «Napule è mille culure. Napule è mille paure. Napule è a voce de’ criature. Che saglie chianu chianu. E tu sai ca’ non si sulo». Napoli non deve rialzarsi perché, chissà per quale magia per quale forza misteriosa e nascosta, Napoli, con tutte le sue contraddizioni, tutti i suoi problemi , non cade mai. Napoli «è ‘na cosa grande pe’ mme, ‘Na cosa ca tu stessa nun saje. ‘Na cosa ca nun aggio avuto maje. Nu bene accussi’, accussi’ grande». Napoli è troppo grande per cadere nell’ombra del dimenticatoio. Napoli, come recita la canzone di Totò, e ‘a cchiù bella femmena che non si può «scurdà». 

Federico Monga

© RIPRODUZIONE RISERVATA