Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Disfatta russa sul fiume Donec, Ucraina distrugge il ponte e Putin perde un intero battaglione

Giovedì 12 Maggio 2022 di Alessandro Rosi
Le immagini dall'alto

Un'altra umiliazione per la Russia. L'esercito di Putin ha perso circa 50 veicoli e un migliaio di uomini per cercare di attraversare il fiume Siverskyi Donets, che scorre da ovest a est tra le province separatiste di Donetsk e Luhansk nell'Ucraina orientale. L'artiglieria di Zelensky li ha sorpresi sulla riva del fiume e li ha distrutti. Le truppe stavano cercando di costruire un ponte per attraversare il corso d'acqua. Le immagini satellitari hanno messo a nudo l'entità del fallimento, con i resti di due ponti galleggianti alla deriva, circondati da quello che rimane di carri armati e veicoli blindati bombardati.

Mariupol, ucraini nei campi di filtrazione: cibo a giorni alterni, in bagno una volta ogni 24 ore

Disfatta russa sul fiume Donec, cosa è successo

Quello che è stato definito un "massacro", ma anche il "disastro di Donec", sarebbe accaduto il 9 maggio, proprio nel "Giorno della Vittoria". Sembra che i comandanti russi stessero cercando di circondare Lysychansk e la sua città gemella Severodonetsk. Ma hanno visto l'attacco trasformarsi in un massacro quando l'Ucraina ha indovinato i piani. Quella dell'esercito di Kiev è stata una vera e propria imboscata. La 17a brigata di carri armati ucraini ha individuato il ponte, forse utilizzando uno dei tanti piccoli droni che fungono da occhi dell'esercito sul campo di battaglia, e ha distrutto con i carri armati T-64 e veicoli da combattimento almeno sette carri armati T-72 e T-80, 17 BMP, sette trattori blindati MT-LB, cinque altri veicoli e gran parte dell'unità del ponte stesso. In un solo colpo gli ucraini hanno rimosso dal campo di battaglia uno dei circa 99 gruppi tattici di battaglioni russi presenti in Ucraina

Il video

Secondo quanto riportato da un account twitter di un soldato ucraino, dopo un giorno di combattimenti il 9 maggio mattina il ponte è stato distrutto. Alcune forze russe sono rimaste bloccate sul lato ucraino del fiume senza poter tornare indietro. Hanno cercato di scappare usando il ponte rotto. E poi hanno cercato di organizzare un nuovo ponte. Ma l'aviazione di Zelensky ha iniziato a colpire «uccidendo oltre 1000 uomini». Nel video si può vedere la fase finale attacco.

Il racconto del soldato ucraino

Si presenta come un ufficiale di ingegneria militare dell'esercito militare. E attraverso il suo account twitter svela come avrebbe portato alla distruzione del ponte. «Ho prestato servizio nel Donbas prima della recente invasione twetta Максим -. Di recente ho portato a termine una missione che ha avuto un impatto enorme sulle perdite russe e ha completamente mandato all'aria i loro piani di accerchiamento di Lysychansk». Racconta di essere stato mandato a esplorare l'area e di aver trovato la posizione in cui i russi avrebbero potuto tentare di montare un ponte per raggiungere l'altra sponda. C'era però un problema nell'intervento delle forze armate ucraine: la visibilità. Era pessima perché i russi avevano incendiato campi e foreste e stavano lanciando molte granate fumogene. Inoltre, c'era anche la nebbia. Come ci sono riusciti? Sentendo il suono dei carri armati russi e grazie al drone del soldato che ha esplorato la zona.

 

La contromossa russa

All'indomani della sconfitta, le forze russe locali sono rimaste sulla loro sponda del fiume «cercando di mantenere le posizioni sulla riva destra», secondo lo Stato Maggiore di Kiev. Il disastroso attraversamento del fiume avviene mentre le forze russe si stanno ritirando dalla città di Kharkiv, più a nord.

Kiev ironizza 

Il Ministero della Difesa Ucraina ha festeggiato l'attacco ironizzando: «Gli artiglieri della 17esima brigata di carri armati dell'Esercito ucraino hanno aperto la stagione delle vacanze per i 'ruscist' (ndr, una crasi tra "russian" e "racist") . Alcuni hanno fatto il bagno nel fiume Siverskyi Donets, altri sono stati bruciati dal sole di maggio».

 

Le conseguenze della disfatta

Quanto accaduto sul fiume Siverskyi Donets potrà avere ripercussioni importanti da un punto di vista militare. Con la caduta della città, ora ridotta in polvere, l'esercito russo era già pronto a circondare con le sue truppe l'area. Sarebbe stato il primo drammatico accerchiamento della guerra. Ma i militari ucraini hanno respinto l'attacco.

La conferma dell'intelligence inglese

A confermare le perdite russe anche l'intelligence britannica. Gli inglesi hanno affermato che la Russia ha perso «una formazione con circa 800 membri dell'esercito». Mentre l'Institute of War indica che i russi «probabilmente lanceranno un'offensiva di terra intorno a Severodonetsk nei prossimi giorni»,. Ma ha anche aggiunto che «non è chiaro se le forze russe possono accerchiare» Severodonetsk come impulso nello sforzo russo per avere il controllo del Donbass.

Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 13:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA