«Avvocati, studio a Chiaia
non spetta l'indennizzo»

di Viviana Lanza

1
  • 82
Avvocati e con studio a Chiaia: per il giudice della settima sezione della Corte d'appello del Tribunale civile di Napoli sono due fattori, questi, sufficienti a non concedere l'equo indennizzo per l'eccessiva durata del processo. Come a dire, sei avvocato e dovresti essere abituato ai tempi lunghi della giustizia, e inoltre, siccome lavori in una delle strade più eleganti della città hai un agio economico per cui non sarà stato un danno aspettare quasi dieci anni per recuperare una somma che sfiora i 700 euro. Eccolo, in estrema sintesi, il ragionamento alla base del provvedimento che sta infuocando il dibattito negli ambienti forensi. Nel decreto di rigetto, il giudice Sensale fa riferimento a sentenze della Cassazione per motivare la sua decisione.

IL PROCESSO
È il 17 maggio scorso quando due avvocati civilisti napoletani, Alessandro Faggiano e Sara Santochirico, presentano una richiesta in base alla cosiddetta Legge Pinto, la legge che tutela dai danni dai tempi troppo lunghi della giustizia. Chiedono un indennizzo che nei giorni scorsi scopriranno di non poter avere perché il giudice ha rigettato la loro richiesta. Il processo lumaca segnalato dai due civilisti è quello per ottenere il pagamento di un credito vantato nei confronti dell'Inps. In teoria, per la legge, la causa andrebbe definita in cinque anni, ma in questo caso ce ne sono voluti nove, più sette mesi e venticinque giorni. Il primo grado si era definito dinanzi al Tribunale di Nola in sette anni di udienze, dal 5 settembre 2007 al 10 aprile 2014, e in secondo grado il procedimento, istruito il 10 aprile 2015, si era concluso tre anni dopo, il 19 febbraio 2018, con sentenza pubblicata il 30 aprile successivo. Durante il primo grado, l'Inps aveva saldato una buona parte della somma (circa 988 euro) con un assegno circolare che i due civilisti avevano accettato «solo ed esclusivamente in conto maggiore avere», proseguendo quindi l'azione legale per i restanti 680 e passa euro del credito. E si arriva a giovedì scorso.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 27 Maggio 2019, 08:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-05-27 10:10:22
Mi meraviglia ogni giorno di più come possano ancora esserci stranieri che investono in Italia.

QUICKMAP