Bimbo morto in piscina a Varcaturo, il padre si ribalta con l'auto mentre corre in ospedale: è grave

Sabato 23 Maggio 2020 di Gennaro Del Giudice

Un dramma nel dramma. Si è ribaltato con l’auto mentre correva verso l’ospedale per portare il vestitino da far indossare al figlioletto appena morto. Una corsa forse inutile che stava per costare la vita ad Antonio Ciotola, il papà di Anthony, il bimbo di 4 anni annegato nella piscina di casa. L’uomo è stato estratto dalle lamiere della sua Wolkswagen Golf e condotto in codice rosso in quel pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli dove un’ora prima era morto il figlioletto. Con lui, a bordo del veicolo, c’era anche il secondo dei suoi tre figli, fortunatamente uscito illeso dallo spaventoso incidente che poco dopo le 17  ha coinvolto altre due automobili lungo la variante SS7 Quater tra gli svincoli di Quarto e Licola in direzione Napoli.

LEGGI ANCHE Bambino di quattro anni muore annegato in piscina a Varcaturo: aperta inchiesta

Padre e figlio avevano fatto ritorno nella loro villetta di Varcaturo per recuperare degli indumenti per il bimbo. L’uomo, forse a causa dell’alta velocità e in evidente stato di agitazione, ha improvvisamente perso il controllo del veicolo che si è ribaltato più volte. All’arrivo dei primi soccorritori le sue condizioni erano subito apparse gravi. Illeso l’altro figlio che era seduto accanto a lui. Un ulteriore strazio per la moglie e i familiari dell’uomo che lo hanno visto giungere al pronto soccorso. Per oltre un’ora il tratto di strada è stato chiuso al traffico dalla Polizia stradale mentre l’auto è stata sottoposta a sequestro.
 

Ultimo aggiornamento: 24 Maggio, 16:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA