Bomba contro un negozio, tre misure cautelari nel Napoletano. Il retroscena:
un processo civile sulla compravendita

Lunedì 25 Maggio 2020

Nella mattinata odierna, a conclusione di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Nola, la Squadra Mobile di Napoli e la Tenenza dei Carabinieri di Cercola hanno dato esecuzione ad un'ordinanza applicativa della misura cautelare personale della custodia in carcere nei confronti di L.A. e di obbligo di dimora nei confronti di P.F. e S.S. emessa dal G.I.P. del Tribunale di Nola, poiché ritenuti responsabili a vario titolo di tentata estorsione, detenzione e porto abusivo di materiale esplosivo. 

LEGGI ANCHE I bombaroli del racket colpiscono ancora: esplosione davanti al negozio di abbigliamento nel Napoletano, tre feriti

Le indagini hanno consentito di raccogliere gravi, univoci e concordanti indizi di reità a carico dei predetti in relazione ad un grave episodio avvenuto in Pollena Trocchia nella notte del 5 settembre 2019, quando un ordigno esplosivo veniva fatto brillare innanzi la saracinesca di un esercizio commerciale lungo la via Mazzini, provocando gravi danni allo stabile e due feriti. Nella stessa notte l’esecutore materiale dell’attentato dinamitardo, rimasto egli stesso vittima dell’esplosione, veniva arrestato in flagranza.

Dal prosieguo dell’attività di indagine diretta e coordinata dalla Procura di Nola sono emersi ulteriori elementi che hanno consentito, da un lato, di identificare gli altri partecipi a vario titolo all'esplosione e, dall’altro, di individuare le ragioni del raid. L.A. è gravemente indiziato di essere stato il mandante dell’attentato per intimidire gli acquirenti di un suo immobile a non proseguire nel giudizio civile intrapreso per la risoluzione della vendita, trattenendo la somma di 120.000 euro già ricevuta a titolo di caparra e mettendo di nuovo in vendita lo stesso immobile.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA