Capri, la vittima è Emanuele Melillo: napoletano, lascia la moglie incinta

Giovedì 22 Luglio 2021 di Valentino Di Giacomo
Capri, la vittima è Emanuele Melillo: napoletano, lascia la moglie incinta

Arrivava tutte le mattine da Napoli l’autista deceduto stamattina, il 30enne Emanuele Melillo. La mattina arrivava in aliscafo, faceva servizio e la sera rientrava sulla terraferma. 

In passato, raccontano sul posto, Emanuele aveva anche lavorato come conducente delle ambulanze del 118. 

Soprattutto in inverno per Emanuele c’era il tempo di un caffè nella piazza del porto di Marina Grande dove si intratteneva spesso al bar con i negozianti del posto. «Un ragazzo tranquillo, simpatico - spiegano in piazza  - è impossibile abbia fatto qualche manovra avventata. Solo un malore può averlo condizionato». 

Video

Diversi i testimoni oculari della caduta del minibus. «L’autobus - spiega un conducente dei taxi - è rotolato giù come un giocattolo. Ha fatto un gran fracasso, ma non abbiamo udito rumori di forti frenate. Per questo crediamo la causa sia da ricercare in un malore improvviso di Emanuele». 

Questa mattina Melillo non ha avuto il tempo di fermarsi al bar. È arrivato a Capri con il traghetto intorno alle 8 e poi ha preso subito servizio. Alle 11,30 - già dopo alcune - corse effettuare per trasportare i turisti - lo schianto fatale. 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 23 Luglio, 08:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche