Covid a Napoli, ai crocieristi è vietato fare acquisti: insorgono gli artigiani del presepe

Mercoledì 21 Ottobre 2020 di Antonio Folle

Tra gli artigiani di San Gregorio Armeno e la famosa compagnia di navigazione Msc Crociere è scontro. Nel mirino il diktat imposto per ragioni di sicurezza dalla compagnia armatrice che ha severamente vietato ai suoi crocieristi qualsiasi contatto al di fuori della bolla dei tour guidati rigidamente controllati dalle guide turistiche autorizzate. Ieri mattina alcuni artigiani di San Gregorio Armeno hanno interpellato direttamente l'ennesimo gruppo di turisti che scattava foto e selfie per poi allontanarsi quasi furtivamente in direzione piazza San Gaetano. Secondo il rigido protocollo stabilito dalla Msc, infatti, ai turisti è formalmente vietato di fare qualsiasi tipo di acquisto, pena lo sbarco immediato degli inadempienti.

Nella strada dei pastori avevano già notato l'anomalia del ridottissimo praticamente azzerato volume d'affari. Questa mattina la conferma è arrivata come una doccia gelata. «Ho fermato un gruppo di crocieristi e la loro guida - ha spiegato Daniele Gambardella, storico artigiano della zona - la guida ci ha spiegato che la compagnia vieta loro qualsiasi contatto con noi perché potenzialmente possiamo contagiare i crocieristi. Un atteggiamento assurdo».

Video

Subito dopo la denuncia da San Gregorio Armeno arriva la rettifica da parte della Msc. «Non c'è nulla di personale contro San Gregorio Armeno la posizione ufficiale è semplicemente un protocollo di sicurezza che adottiamo per scongiurare qualsiasi pericolo di contagio a bordo delle nostre navi. Le nostre guide e gli autisti dei bus che trasportano i nostri crocieristi si sottopongono a tampone proprio per la tranquillità di tutti. Purtroppo in questo periodo storico sono necessarie misure straordinarie, ma confidiamo di poter al più presto consentire ai nostri ospiti di poter visitare liberamente le città che tocchiamo con le nostre crociere prosegue Msc Crociere ad oggi purtroppo non è possibile stabilire le attività che seguono i protocolli anti contagio».

«Condivido pienamente la posizione degli artigiani di San Gregorio Armeno - dice l'assessore al Commercio Rosaria Galiero - ci troviamo di fronte ad un controsenso intollerabile. In questi mesi così difficili a San Gregorio Armeno gli artigiani hanno compiuto sforzi sovrumani per tenere aperte le loro attività e non possiamo permettere che la nostra città venga trattata in questo modo. La narrazione tossica di una Napoli come città insicura è inaudita. Chiederemo immediatamente alla Msc di fare marcia indietro continua in caso contrario metteremo in campo tutte le azioni necessarie a tutelare l'immagine della città».

Ultimo aggiornamento: 18:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA