Coronavirus, manifesto choc in Campania: «Se esci rischi il contagio, io ammalato vorrei essere a casa coi miei»

Giovedì 2 Aprile 2020

Un manifesto choc, frutto dell’idea del medico salernitano Vincenzo De Chiara, insieme ad altri medici e imprenditori della sanità privata regionale. Un’iniziativa che ha incontrato l'approvazione della Regione Campania. Parte la campagna mediatica per invitare i cittadini campani ad evitare i contatti, proprio in un momento in cui sembra esserci la tentazione di allentare le misure di contenimento dell’epidemia. Il manifesto raffigura un ammalato di Covid-19 in terapia intensiva e la scritta «#RestaACasaNoCovid-19», «se esci rischi il contagio...io vorrei essere a casa con i miei».

LEGGI ANCHE Coronavirus, altri 221 tamponi positivi e in Campania i contagiati salgono a 2.677

La scritta, con caratteri molto marcati, è a corredo di una foto choc di un paziente intubato, ricoverato  in terapia intensiva. A pensare la campagna è stato il dottor Vincenzo De Chiara, fisico sanitario e medico oncologo radioterapista, trascorsi di consulenza alla Nasa. «Credo - spiega De Chiara - che a Napoli e nelle città campane questi tabelloni avranno grandissimo impatto emotivo. Non bisogna arretrare di un centimetro, proprio ora che si iniziano ad intravedere timidi risultati di risposta alle misure di contenimento adottate».

L’iniziativa, con una grande mobilitazione on line nei giorni scorsi, ha visto già l’adesione di medici campani, imprenditori della sanità privata regionale, professionisti, semplici cittadini. Tra questi figurano Antonio Oppedisano, Luigi Gargano, Luigi Bertone, Ernesto Prisco, Renato Morrone, Arturo Noviello, Arturo Improta, Nicola Franza, Marco Romano, Domenico Fornino, Giuseppe Martin, Nicola Rosa, Davide Di Gennaro, Ernesto Falcone, Francesca Guarino, Salvatore Russo, Raffaele Solla, Antonietta Reccia, Raffaele Castaldo e Giovanni De Chiara.

La Regione Campania, con il presidente De Luca e il consigliere Picarone, hanno pienamente condiviso la campagna di sensibilizzazione, con la concessione del patrocinio morale da parte dell'ente di Palazzo Santa Lucia.​

Ultimo aggiornamento: 3 Aprile, 16:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA