Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid a Napoli, l'Ospedale del Mare è in affanno: impennata di ammalati

Sabato 5 Febbraio 2022 di Melina Chiapparino
Covid a Napoli, l'Ospedale del Mare è in affanno: impennata di ammalati

A Napoli i pronti soccorso scoppiano di pazienti non Covid. Nelle ultime settimane, il numero dei nuovi accessi negli ospedali, è aumentato fino al punto di mettere a rischio la rete dell'assistenza. Ieri, all'Ospedale del mare, è stato necessario limitare gli accessi per decongestionare il pronto soccorso ma l'iperafflusso degli ammalati sta diventando sempre più difficile da gestire in tutti i presidi cittadini. La nuova emergenza, ormai, è fuori dalle terapie intensive e non riguarda più le cure ad alto impatto per i degenti Covid ma il gran numero di pazienti, inclusi i positivi, nei pronti soccorso.

Nel pronto soccorso dell'Ospedale del mare, ieri mattina, all'interno dell'area gialla dedicata all'assistenza dei pazienti non Covid, sono state assistite 50 persone, tutte risultate negative ai test rapidi e sottoposte, successivamente, ai molecolari. A questi numeri, decisamente maggiori rispetto alla media giornaliera del presidio di Ponticelli, si sono aggiunti i pazienti positivi nelle aree del pronto soccorso dedicate all'assistenza Covid che, nel giro di poche ore, hanno superato i 20 degenti. Numeri a parte, quello che ha mandato veramente in tilt il funzionamento ordinario del pronto soccorso, è stata la rilevazione della positività di alcuni degenti, durante il secondo tampone di verifica. A quel punto è stato necessaria, la chiusura dell'area gialla con la sanificazione degli ambienti e, di conseguenza, il presidio ha limitato per alcune ore l'accesso dei pazienti trasportati dal 118, ai soli codici rossi. 

Per decongestionare il pronto soccorso dove, nonostante la chiusura dell'area gialla, continuava ad arrivare un gran numero di pazienti, poco dopo le 11 del mattino, dal presidio di Ponticelli è partita una richiesta per la limitazione temporanea degli ingressi. Nella nota protocollata presso la direzione medica del presidio, si legge che a causa «dell'eccessivo afflusso di pazienti critici, si chiede di limitare temporaneamente gli accessi dei pazienti e di dirottare presso altri presidi cittadini gli ulteriori pazienti afferenti al circuito dell'emergenza territoriale». Oltre a chiedere aiuto alla centrale operativa del 118 per ridimensionare l'afflusso dei pazienti, nel documento, si sottolinea il carattere della richiesta «in via provvisoria e per il tempo strettamente necessario alla normalizzazione delle attività assistenziali fatta eccezione per i casi strettamente necessari». La criticità nei pronti soccorsi è stata collegata, dalla direzione generale dell'Asl Napoli 1, alla presenza di tre tipologie di pazienti.

Video

«Oltre ai normali pazienti si sommano sia i positivi che hanno patologie strettamente legate al Covid che pazienti con patologie che non sono strettamente legate al virus ma sono comunque positivi» hanno spiegato i vertici Asl. «Questa sovrapposizione di pazienti richiede particolare attenzione ai percorsi, alle priorità e, soprattutto, alle aree di osservazione distinte per garantire isolamento ed evitare il diffondersi del contagio» hanno aggiunto dall'Asl spiegando che «al momento questa è la difficoltà maggiore che rende i pronto soccorso particolarmente sensibili ad una gestione articolata e complessa». C'è da dire, che solo nella giornata di ieri, alla centrale operativa del 118 sono arrivate segnalazioni di criticità nei pronti soccorso da parte del Cardarelli, del Cto e del Fatebenefratelli e in tarda serata, anche il Vecchio Pellegrini ha dovuto fronteggiare un iperafflusso di pazienti. 

Ultimo aggiornamento: 6 Febbraio, 09:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA