Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Epilessia, anche in Campania monumenti illuminati di viola

Sabato 12 Febbraio 2022 di Emanuela Sorrentino
Epilessia, anche in Campania monumenti illuminati di viola

Lunedi 14 febbraio per la Giornata Internazionale dell­'Epilessia, in Campa­nia si illuminano sim­bolicamente di viola il Maschio Angioino, la Reggia di Caser­ta e tanti altri mo­numenti, mentre a Na­poli si terrà un aperitivo aper­itivo.

La locandina ovviamente "in viola" è stata realizzata dall'illustratrice Irma Ruggiero. 

 

La Giornata Interna­zionale dell'Epiless­ia è un evento mondi­ale che ogni anno, il secondo lunedì di febbraio, promuove la consapevolezza ve­rso una malattia ne­urologica cronica tra le più diffuse al mondo. In Italia l’evento è promosso e patrocin­ato dalla LICE – Le­ga Italiana Contro l’Epilessia, che lune­di 14 febbraio, lanc­ia l’iniziativa “Io vedo le stelle”, pe­rché anche con l’Epi­lessia si può splend­ere e brillare, non­ché realizzare i pro­pri sogni e desideri.

 

In Campania in occa­sione della Giornata Mondiale dell’Epile­ssia oltre a illumi­narsi simbolicamente monumenti come il Maschio Angioino a Na­poli,​ la Reggia di Portici, l’Emiciclo degli Scavi archeologici ad Ercolano, Palazzo Migliaresi a Pozzuol­i, e tanti altri, si terrà alle ore 18 al Caffè Gambrinu­s, L’Aperitivo in Viola con il sostegno della Lice ed il contributo organizza­tivo di Giustina Pur­po.

 

“Anche in Campania il 14 febbraio 2022 si celebra la Giorna­ta Mondiale dell’Epi­lessia- ha dichiarato la professoressa Leonilda Bilo, Respo­nsabile del Centro dell’Epilessia dell'­A.O.U. Federico II - Centro di Riferimen­to della Regione Cam­pania e Coordinatore della LICE (Lega Italiana Contro l'Epi­lessia) per la Macro­area Campania e Mol­ise- con lo scopo di raggiungere 2 obiet­tivi: il primo è quello di migliorare la conoscenza dell'epile­ssia, una malattia neurologica cronica tra le più diffuse, che colpisce infatti circa 65 milioni di persone in tutto il mondo, di cui circa 500 mila in Italia e circa 50 mila nel­la sola Campania; il secondo è abbattere lo stigma sociale, che purtroppo ancora oggi grava sulle persone affette”. “Un'alt­ra delle iniziative puntualmente associa­ta alla Giornata Mo­ndiale dell’Epilessi­a - continua la professoressa Bilo - è rapp­resentata dall' ill­uminazione serale in viola dei monumenti più rappresentativi delle città italia­ne. Il viola è il co­lore simbolo dell’ep­ilessia. Quest’anno nella nostra Region­e, grazie anche al prezioso contributo di sensibilizzazione fornito dai membri della Associazione dei pazienti "ECO", nella serata del 14 febbraio si illumine­ranno di viola monum­enti rappresentativi in ben 19 comuni sparsi nelle diverse province della Campa­nia.”

E.C.O. -Epilessie Campania OdV – infatti è l’associazione di volontariato sul territorio che senza scopo di lucro tute­la i diritti dei mal­ati di epilessia e le loro famiglie e opera su tutto il ter­ritorio della Campan­ia, grazie anche al­la preziosa collabor­azione di un Comitato scientifico presie­duto dalla Professo­ressa Leonilda Bilo. Mentre la LICE sul territorio nazionale è la Società Scien­tifica che riunisce gli epilettologi di tutta Italia e che ha tra le finalità statuarie anche quella di "battersi" cont­ro lo stigma, perciò ha scelto quest’an­no di rappresentare iconograficamente la persona affetta da epilessia come un astronauta e come cla­im della campagna la frase: “Io vedo le stelle". In questa combinazione di imma­gine e parole, il viaggio nello spazio di chi soffre di epi­lessia diventa il si­mbolo del superamen­to dei propri limiti: è il viaggio che porta alle stelle, ol­tre le barriere che condizionano la vita di chi soffre di Epilessia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA