Minori davanti alle slot,
​blitz nelle sale giochi a Napoli

di Giuliana Covella

Secondo i dati diffusi dal comandante della polizia locale Ciro Esposito, nel 2018 sono stati effettuati controlli in 1.336 sale, di cui 106 verbalizzate. Mentre nel 2019 (numeri aggiornati al 30 settembre) i controlli hanno riguardato 729 sale, con 131 verbali ai gestori. Strutture dove a giocare d'azzardo sono sempre più spesso minorenni, dati che fotografano l'allarmante realtà: la ludopatia è sempre più una piaga dilagante. E tra i giocatori d'azzardo aumentano i giovanissimi, tanto che l'età per giocare si è abbassata fino ai 10-12 anni. Sono tanti i bambini che scommettono per vincere, come già denunciato, attraverso le pagine del Mattino, dalle associazioni Federconsumatori e Giocatori Anonimi. Un fenomeno che va contrastato alla radice, come aveva sottolineato in un'intervista sul nostro quotidiano, don Aniello Manganiello, prete anticamorra: più controlli contro lo «Stato biscazziere che favorisce l'apertura delle sale, molte delle quali sono gestite dai clan». Sale che, ovviamente, non rispettano i regolamenti comunali vigenti. Proprio ieri un mega blitz della polizia municipale di Napoli ha rastrellato le sale giochi e i centri scommesse da una zona all'altra della città, elevando multe salatissime contro i trasgressori.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 9 Ottobre 2019, 08:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP