Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Lottiamo per un mare libero e ​gratuito», moblitazione al largo Sermoneta a Napoli

Venerdì 24 Giugno 2022
«Lottiamo per un mare libero e gratuito», moblitazione al largo Sermoneta a Napoli

Domenica 26 Giugno alle 10:00 ci sarà a largo Sermoneta una mobilitazione per l’accesso gratuito e libero alle spiagge, in quanto beni comuni, del movimento “mare libero e gratuito Napoli

«Faremo sentire la nostra voce per un mare pubblico, pulito e gratuito! - sono le parole dei manifestanti - La nostra è una città di mare inaccessibile, i prezzi sono sempre più alti e sono svariate le discese private. Oltre che esclusivo e costoso l'accesso alla costa è limitato inoltre in zone come Bagnoli a causa dell'inquinamento causato da decenni di scarichi industriali; di conseguenza la gran parte degli abitanti è relegata in quei miseri pezzettini di spiaggia pubblica sporca e senza servizi, - continuano - ovviamente affollatissima. In oltre luoghi come la Gaiola, già interessata da un progressivo processo di privatizzazione, in questi giorni è addirittura chiusa per “imperizia” degli abitanti che vivono nei parchi sul mare, nelle potature degli alberi. Stessa situazione sul versante flegreo da Pozzuoli a Miseno e oltre, fino al litorale domizio.

Video

Il problema è accentuato dell'asurdo meccanismo di concessioni balneari ai privati -sottolineano- che vengono rinnovate sempre più, non salvaguardando i cittadini e fornendo assurdi privilegi per un probabile tornaconto dello Stato che vuole tutelare la concorrenza con forme di indennizzi per ammortizzare le spese fatte, spesso opere del tutto abusive e si propone di vendere gli arenili. Così la spiaggia privata che doveva essere un’eccezione, rischia di rimanere la regola: più del 70% delle nostre spiagge sono private; si tratta di una vera e propria rapina alla sovranità popolare che non possiamo più tollerare!»

Ultimo aggiornamento: 18:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA