Via il murale di Caiafa, minacce ai cronisti: «Veniamo a prendervi ​a casa, non finisce qui»

Sabato 6 Febbraio 2021 di Valentino Di Giacomo
Via il murale di Caiafa, minacce ai cronisti: «Veniamo a prendervi a casa, non finisce qui»

Ci sono voluti quattro mesi, appelli del prefetto Valentini, del ministro Lamorgese, del procuratore generale Riello, l’attivismo dei residenti, ma alla fine ieri è stato cancellato il murale e rimossa definitivamente anche la cappella votiva di Forcella dedicata al baby-rapinatore Luigi Caiafa. Un’operazione avvenuta ieri non senza tensioni, con aggressioni e minacce da parte dei familiari del giovane ucciso ai cronisti del nostro giornale,...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 12:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA