Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Napoli, piazza Sannazaro
in un cartello diventa San Nazzaro»

Mercoledì 23 Settembre 2020
«Napoli, piazza Sannazaro in un cartello diventa San Nazzaro»

«Napoli, sì come ciascuno di voi molte volte può avere udito, è ne la più fruttifera e dilettevole parte di Italia, al lito del mare posta, famosa e nobilissima città, e di arme e di lettere felice forse quanto alcuna altra che al mondo ne sia. La quale da popoli di Calcidia venuti sovra le vetuste ceneri de la Sirena Partenope edificata, prese et ancora ritiene il venerando nome de la sepolta giovene», Jacopo Sannazaro, libro Arcadia prosa 7, 3, 1961 Arcadia

Cosa direbbe oggi il nostro illustre concittadino e poeta se potesse vedere il cartello stradale allegato in foto, lì dove c'è scritto S. Nazzaro. Si ricrederebbe sulla definizione di città di lettere. Forse no. Capirebbe che solo la crassa ignoranza di qualcuno ha potuto compiere un simile scempio. Ma usiamo le sue parole per avere un po’ di ottimismo:

«Al mondo mal non è senza rimedio», Jacopo Sannazaro Sul mondo

G. Fico

© RIPRODUZIONE RISERVATA