Napoli, precipitati con l'auto a Posillipo: le condizioni dei 4 ragazzi feriti

di Melina Chiapparino

I soccorsi sanitari, sono scattati poco dopo le 6 del mattino, orario in cui l’automobile con a bordo i quattro ragazzi è precipitata all’altezza del civico 296 in via Posillipo. Sul posto sono intervenute le ambulanze delle postazioni Chiatamone, Crispi e San Paolo che hanno proceduto alle prime operazioni di messa in sicurezza dei feriti con barelle spinali e altri presidi utilizzati nei casi di politaumatizzati per gravi incidenti.

L’estrazione dei quattro feriti dall’abitacolo del veicolo, caduto da un altezza di 40 metri, sono state effettuate con l’ausilio dei Vigili del Fuoco e delle forze dell’ordine presenti sul posto. Tre dei quattro ragazzi soccorsi sono stati assistiti con un codice di massima urgenza. Luca M. di 21 e Rossella A. di 20 anni, entrambi napoletani, sono stati trasferiti all’ospedale Cardarelli e le loro condizioni sono apparse più gravi rispetto a quelle delle altre vittime. 

Il ragazzo ha riportato vari traumi e una grave lussazione dell’anca, mentre Rossella nell’impatto, ha riportato numerose fratture, anche costali e un edema cerebrale per cui è stata sottoposta ora a un delicato intervento neurochirurgico e la sua prognosi è riservata. I due feriti meno gravi, entrambi napoletani e di 20 anni, sono stati assistiti al pronto soccorso dell’ospedale Fatebenefratelli. Si tratta di Stefano S., politraumatizzato che attualmente è in condizioni stabili nel reparto di osservazione breve dove sono in corso accertamenti diagnostici ed esami strumentali e Aurora F. , che dopo i primi soccorsi nel nosocomio posillipino è in trasferimento presso l’ospedale Cardarelli. La ragazza ha riportato una contusione epatica che necessita di un reparto specialistico, sebbene le sue condizioni generali non destino preoccupazione e anche per lei il quadro clinico risulta stabile.
Sabato 23 Giugno 2018, 12:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-06-23 18:35:21
Penso che in queste zona le ringhiere devono essere fornite di barriere in ferro..tipo autostrada...curvone come quello di via petrarca non può essere protetta da quella misera ringhiera... Ma inutile parlare non ci soldi...ma si gettono per le grandi opere che non servono a nulla

QUICKMAP