Napoli, pestaggio nel centro storico,
altra rissa ai baretti di Chiaia

Lunedì 18 Ottobre 2021 di Giuseppe Crimaldi
Napoli, pestaggio nel centro storico, altra rissa ai baretti di Chiaia

Le immagini sono forti e si commentano da sole. Scoppia una lite tra alcuni giovani nel cuore del centro storico e l’aggressione si trasforma in un assurdo linciaggio. La movida violenta è tornata, e non c’è fine settimana che sfugga al conto di aggressioni e ferimenti. Questa volta è successo nella zona dell’Università, pochi giorni prima era toccato a piazza San Pasquale.

Naturalmente tutto è finito sui social, con tanto di filmati girati da chi, di fronte a simili barbarie, non sanno far altro che accendere lo smartphone e riprendere i pestaggi. Sabato scorso in piazzetta Orientale è scoppiato il panico per una rissa nella quale un ragazzo è miracolosamente riuscito a sfuggire al “branco” che continuava a picchiarlo selvaggiamente, continuando a colpirlo con calci persino quando era ormai completamente indifeso disteso a terra. 

<iframe src="https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Ffrancesco.e.borrelli%2Fposts%2F10223611530148229&show_text=true&width=500" width="500" height="486" style="border:none;overflow:hidden" scrolling="no" frameborder="0" allowfullscreen="true" allow="autoplay; clipboard-write; encrypted-media; picture-in-picture; web-share"></iframe>

Difficile capire di più e, soprattutto, risalire alla scintilla che ha determinato tanta rabbia. Il video è stato postato dal consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli: si sentono prima urla, rumori di bottiglie di vetro che si rompono, poi alcune voci concitate e persino un insulto omofobo». Poi scatta l’aggressione: in due, e poi anche in tre ci si accanisce contro la vittima, raggiunta da insulti, calci e pugni. La furia non si ferma nemmeno quando il ragazzo cade in terra, prima din rialzarsi e riuscire a sfuggire ai violenti.


Poche ore prima, altra furiosa scazzottata tra due comitive di giovani in piazza San Pasquale a Chiaia. Un gruppo di tre giovani di Marano sono stati insultati e aggrediti da almeno 15 persone con le quali per motivi futili era nato un battibecco. I feriti sono poi stati medicati in ospedale. «La movida si trasforma nuovamente in follia e violenza al centro storico di Napoli - commenta Borrelli - Nel filmato segnalato si vede come un giovane mentre è riverso al suolo incapace di difendersi venga preso a calci in faccia. Siamo disgustati da questa violenza inaudita in cui vengono trasformati e trasfigurati i momenti di socialità tra i giovani. È tempo che forze dell’ordine e magistratura decidano di intervenire in maniera decisa e concreta per porre fine a questo fenomeno culturalmente e socialmente pericoloso con pene esemplari per i violenti che per un niente rischiano di ammazzare una persona. Alcuni soggetti evidentemente escono di casa soltanto per commettere crimini e sfogare la propria indole aggressiva con risse e pestaggi, un’indole sovrastimolata anche dall’eccesso di alcol che sempre più spesso viene consumato nei luoghi della movida. Andare avanti così non è più accettabile».
 

Ultimo aggiornamento: 20:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA