Napoli, alla Whirlpool di via Argine protesta a lume di candela: «Non molliamo»

Venerdì 29 Maggio 2020 di Oscar De Simone
Sono le 21 in punto quando i dipendenti della Whirpool di via Argine a Ponticelli, accendono 350 candele. Una per ogni lavoratore coinvolto nella vertenza che da un anno ormai, tiene tutti con il fiato sospeso. Un macigno che pesa ancora sulle spalle di chi anche durante la pandemia non ha smesso di sperare.

“Siamo sempre più convinti – afferma Vincenzo Accurso – che la nostra vertenza debba andare avanti. Non possiamo fermarci dopo questi due mesi di lockdown. Bisogna riprendere il cammino da dove era stato interrotto. Già domenica faremo una diretta Facebook con personaggi dello spettacolo ed istituzioni che da sempre ci sono stati accanto. Siamo convinti che mai come ora la produzione debba riprendere per il bene nostro e del paese”.
 

Attività, quella dei dipendenti Whirpool che è già ripresa, con tutte le dovute precauzioni. 
“Siamo subito tornati a lavoro – dichiara la dipendente Italia Onofrio – nonostante le paure del momento. La lotta per difendere il nostro posto di lavoro non può fermarsi e le candele di questa sera, rappresentano proprio la speranza e la forza che intendiamo ancora mettere in campo”. Ultimo aggiornamento: 22:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA