Napoli, le restaurate Torri aragonesi
tra erbacce rifiuti: al via la pulizia

Venerdì 28 Agosto 2020 di Giuliana Covella
Ripulite da erbacce e rifiuti le aiuole delle Torri aragonesi in via Marina. Prosegue l’intervento messo in campo dall’assessorato comunale al verde e al decoro urbano guidato da Luigi Felaco, in collaborazione con Asia e II Municipalità. Anche questa mattina i volontari della Cooperativa 25 giugno insieme agli operatori di Asia che ha fornito i bidoni per la raccolta dei materiali (tra cui anche ingombranti) sono intervenuti nella bonifica dell’area, che periodicamente diventa una pattumiera a cielo aperto per la presenza di rifiuti.

LEGGI ANCHE Napoli umiliata: le Torri Aragonesi colonizzate da degrado e clochard

«Abbiamo provveduto alla pulizia del manto erboso - spiega l’assessore Felaco - poiché l’operazione rientra nella programmazione sulla riqualificazione di via Marina. Ma lì c’è purtroppo un altro problema evidente, la presenza dei senza fissa dimora che rappresentano una fragilità sulla quale occorre attenzionare anche gli altri enti preposti. Si tratta di persone e come tali vanno aiutate e seguite, non c’entra più il decoro urbano». Nelle prossime settimane si proseguirà con le operazioni di pulizia e manutenzione nell’intero tratto, anche a tutela delle torri che sono un monumento storico di grande valore.

«Stiamo lavorando in questa direzione - continua Felaco - per riqualificare l’intera area del parco della Marinella, a ridosso dei bastioni aragonesi nell’ottica della loro valorizzazione». I lavori alle Torri aragonesi (Spinelli e Brava) sono stati ultimati nel 2019, quando l’intera area era stata riconsegnata al Comune dalla società Uno Outdoor, che aveva gestito il progetto Monumentando (che prevede il restauro di opere coperte da pannelli pubblicitari per recuperare le spese).Ultimo aggiornamento: 29 Agosto, 16:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA