Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Oasi WWF Cratere degli Astroni,
recuperate le antiche vasche borboniche

Martedì 28 Giugno 2022 di Antonio Cangiano
Oasi WWF Cratere degli Astroni, recuperate le antiche vasche borboniche

Ancora un intervento di recupero di antiche strutture, all'interno dell' Oasi naturalistica Cratere degli Astroni, nei Campi Flegrei.

I volontari del WWF hanno annunciato, attraverso la propria pagina Facebook, un recente intervento di pulizia e ripristino, di antiche vasche di raccolta delle acque, preziose opere di ingegneria idraulica, necessarie alla attività che si svolgevano quando l'oasi, tornò ad essere riserva di caccia per opera dei Borbone.

«Quando il Cratere degli Astroni era una Riserva Reale di Caccia e la Vaccheria era destinata all'allevamento del bestiame, le acque piovane venivano recuperate attraverso un sistema di vasche di raccolta, riutilizzate per gli animali e per l'orto. Insieme al fabbricato, per essere sempre più a impatto zero, stiamo recuperando anche queste strutture».

La riserva naturale Cratere degli Astroni è un'oasi naturale protetta, che occupa un antico vulcano spento, al confine tra i comuni di Pozzuoli e Napoli.

La riserva è stata istituita dal Ministero per l'Ambiente nel 1987, ed è gestita dal WWF Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA