Procida 2022: Federalberghi Isola di Capri denuncia lo scempio del Molo Beverello

Martedì 19 Gennaio 2021 di Anna Maria Boniello

Capri - Federalberghi Isola di Capri torna all’attacco dell’Autorità Portuale di Napoli per la situazione disastrosa del Molo Beverello dove i lavori per la realizzazione del nuovo terminal sembrano essersi bloccati, prospettando scenari inquietanti per la prossima stagione turistica ed anche in previsione di Procida 2022.

“I lavori dei quali non si vede la fine metteranno a rischio la mobilità di passeggeri e turisti che vorranno raggiungere le isole del Golfo e in particolare Procida che ieri ha ricevuto la prestigiosa nomina a Capitale della Cultura Italiana 2022” denuncia Gargiulo che poi aggiunge: “I turisti che questa estate vorranno raggiungere Capri, Ischia e Procida saranno accolti in un poco dignitoso cantiere che minaccia di diventare eterno come sono stati quelli della metropolitana o dei lavori in via Marina”.

L’associazione degli albergatori capresi aveva già espresso in passato dubbi sulla tempistica dei lavori che dovranno restituire alla città un terminal più moderno ed accogliente. L’esperienza dei lavori per la metropolitana infatti non lasciava tranquilli: “Ci dicano chiaramente quali sono i tempi reali previsti per la conclusione dei lavori” protesta Gargiulo, preoccupato dall’esigenza di dover programmare fra ulteriori difficoltà la prossima stagione turistica che già nasce fra mille incertezze legate al covid .“E’ un nostro diritto sapere, soprattutto quando l’inefficienza altrui può mettere a rischio attività imprenditoriali già martoriate”.

La nomina di Procida a Capitale della Cultura 2022 può dare la spinta decisiva ai lavori ma il leader degli albergatori dell’Isola Azzurra guarda anche alle esigenze dei residenti isolani e dei pendolari che quotidianamente si servono dell’approdo di piazza Municipio e che da mesi sono costretti a subire i disagi dei lavori in corso nell’attesa di un terminal che offra un maggiore comfort: “Che sia estate o inverno i disagi non mancano, soprattutto per chi deve necessariamente servirsi dei collegamenti con Napoli. Non basta qualche ombrellone per ripararsi da sole o pioggia. Chiederemo un confronto immediato con il nuovo corso dell’Autorità Portuale auspicando una maggiore attenzione ai problemi dei terminal dedicato ai collegamenti con le isole che da anni ci costringono ad intervenire con continue sollecitazioni e proteste”.

Video

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA