Elezioni comunali a Procida: irregolarità nel seggio, chiuso e poi riaperto dai carabinieri

Domenica 20 Settembre 2020

I carabinieri sono intervenuti all'interno di una sezione elettorale a Procida. I militari hanno svolto degli accertamenti in merito a presunte irregolarità segnalate all'interno del seggio, che è stato chiuso per qualche ora. Il seggio è stato poi riaperto al termine delle operazioni svolte dai carabinieri.

LEGGI ANCHE Regionali Campania 2020, l'affluenza alle 12 è ferma all'​11,32%

Oltre al referendum sulla riduzione del numero dei parlamentari, l'elezione del nuovo presidente della Regione Campania e dei componenti del Consiglio regionale, a Procida si vota anche per eleggere il nuovo sindaco. Due i candidati: il sindaco uscente Dino Ambrosino, con la lista «La Procida che vorrei», e Luigi Muro sostenuto dalla lista «Procida per tutti». 
 

 

Per irregolarità riscontrate da carabinieri il sindaco Ambrosino ha provveduto alla sostituzione del presidente e del segretario del seggio. Dieci schede elettorali timbrate sono state trovate in un cassetto del seggio dopo la chiusura delle operazioni di preparazione al voto e la cosa è stata immediatamente segnalata alle autorità; nel corso della serata di ieri tutti i componenti del seggio sono stati ascoltati nella caserma dei carabinieri ed a tarda notte è stata decisa la sostituzione dei due membri. Le operazioni di voto nel seggio in questione sono iniziate con circa due ore di ritardo ma procedono regolarmente. 

Ultimo aggiornamento: 19:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA