Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Profughi ucraini, corsi di italiano
organizzati dall'ateneo L'Orientale

Venerdì 25 Marzo 2022
Profughi ucraini, corsi di italiano organizzati dall'ateneo L'Orientale

Al via da lunedì 28 marzo la possibilità per cittadine e cittadini ucraini, a partire dai 16 anni in su, arrivati in Italia per fuggire dalla guerra, di iscriversi gratuitamente ai corsi di italiano organizzati dal centro linguistico d’Ateneo, presieduto dal professore Giuseppe Balirano, dell’Università L’Orientale. I corsi, in modalità a distanza su piattaforma online, saranno tenuti da esperti in didattica di Italiano come lingua straniera.

Tutto il materiale didattico è a carico dell’Ateneo, che alla fine del corso, della durata di tre mesi per lezioni di tre ore a settimana, rilascia regolare attestato di partecipazione con il livello raggiunto. Per iscriversi inviare una mail con i propri dati a claor.self@unior.it  «Fin dalla sua fondazione, 290 anni fa, l’Università "L’Orientale” ha consolidato la sua vocazione internazionale permettendo l’incontro pacifico tra culture e società dall’Europa all’Asia, dall’Africa alle Americhe. Oggi, nel solco di una tradizione che nel corso degli ultimi anni ha visto aprire i nostri corsi di laurea ai rifugiati e, tra i primi in Europa, anche ai richiedenti asilo, approdati nel nostro Paese dando loro la possibilità di iscriversi in regime di esenzione dalle tasse, è per la comunità del mio Ateneo doveroso consentire ai rifugiati di guerra ucraini di imparare la nostra lingua» dice il rettore dell’Orientale, Roberto Tottoli

«Dopo questo primo corso siamo pronti a organizzarne altri, se il caso aumentando il numero di corsi e dei docenti messi a disposizione dal centro linguistico dell’Orientale. La comunità ucraina di rifugiati non è sola e può contare sull’aiuto dei nostri docenti» dice Balirano, presidente del centro linguistico d’Ateneo. 

Ultimo aggiornamento: 14:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA