Reddito, operai in nero con la card in tasca: ecco i primi 5 furbetti a Napoli

di Daniela De Crescenzo

16
  • 17971
Via ai controlli per il reddito di cittadinanza e su diciotto lavoratori trovati a lavorare a nero (quasi tutti nei cantieri edili) cinque sono stati beccati con la card in tasca: tutti che avevano deciso di sommare il salario illegale al sussidio comunque insufficiente a tirare avanti. In campo è scesa la task force di cui fanno parte l'Inps, l'Ispettorato del lavoro e l'apposito nucleo dei carabinieri che, avvalendosi dell'anagrafe dell'istituto di previdenza, sono riusciti a stanare i primi furbetti del sussidio. A questi bisogna aggiungere il dipendente che prestava servizio in un negozio di frutta e verdura di Boscoreale segnalato dall'ispettorato un paio di giorni fa.

LE SANZIONI
Ovviamente i lavoratori illegali adesso perderanno il beneficio. Ma non solo: sono stati segnalati all'autorità giudiziaria e dovranno rispondere penalmente del reato commesso che potrebbe essere anche quello di truffa ai danni dello Stato. Paradossalmente, infatti, il dipendente dovrebbe dichiarare tutto il reddito anche se proveniente da un'attività irregolare. Al datore di lavoro, invece, toccherà una sanzione amministrativa, mentre l'inps non solo provvederà alla revoca del beneficio, ma tenterà il recupero del denaro già versato. Impresa non certo facile visto che si tratta generalmente di nullatenenti.

«Stiamo intensificando i controlli spiega il direttore dell'Inps di Napoli, Roberto Bafundi e stiamo verificando che la rete creata tra i diversi rami dell'amministrazione sta funzionando come presidio di legalità nel territorio metropolitano». Un lavoro non da poco, quello degli 007 del reddito, visto che Napoli è la provincia italiana nella quale sono state presentate più domande. Al 7 aprile, stando ai dati del ministero, erano 78.803, più di quelle censite dall'intera Lombardia (71.310) e poco meno del 10 per cento del totale a livello nazionale. E, lo ha sottolineato il presidente dell'istituto, Pasquale Tridico, non è vero che ci sia stata una pioggia di rinunce: in tutta Italia ce ne sono state dodici di cui quattro a Napoli. Per monitorare la grande platea del reddito il ministero ha cercato di organizzare procedure più agili.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 15 Giugno 2019, 09:03 - Ultimo aggiornamento: 15-06-2019 13:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2019-06-21 14:37:13
Soltanto i grillini potevano inventarsi il reddito di cittadinanza ! Sarebbe bastato fare in modo che le imprese che assumevano un disoccupato avessero avuto uno sgravio fiscale pari all'importo di 780 euro !! Sarebbe aumentata l'occupazione e ci sarebbero stati meno furbi e parassiti a carico della collettivita' !!!!!!! O NO !!!!!!
2019-06-19 11:22:31
Altri miliardi buttati al vento sull'altare del consenso elettorale.adesso col salario minimo si completerà l'opera incrementando ancor più il lavoro nero perchè le aziende nno potranno pagare i minimi salariali.
2019-06-17 19:30:48
In Italia c'è una lotta tra titani dell'incapacità. Senti solo critiche e delegittimazione mai uno straccio di proposta serio e strutturato. Ma se una fabbrica, un impresa , dieci aziende , 100 o mille realtà produttive chiudono, e chiudono perchè non guadagnano altrimenti sarebbero dei folli, vogliamo chiederci perchè succede. Se si sopravvive solo se si lavora in nero (anche se in modo nefando ed ingiustificato in alcuni casi) vogliamo chiederci perchè. Vuoi vedere che non era la povertà il problema chiave del Paese ma le tasse troppo alte (per aziende e lavoratori) insieme alla burocrazia e alle carenze infrastrutturali, soprattutto al SUD. Se i navigator fossero stati utilizzati come ispettori per stanare il nero e non per cercare il lavoro (inesistente) ai disoccupati (che già lavorano in nero) forse qualche impresa ,azienda negozio in più avrebbe normalizzato la propria condizione.
2019-06-16 22:17:59
Invece di regalare soldi potevano aiutare le imprese ed il Made in Italy! lo Stato succhia troppo dalle imprese e cosi' I lavoratori al nero succhiano lo Stato! questi due Ministri sono soltanto dei Politicanti loro non sanno nulla come gestire un Business un impresa E TUTTI I COSTI che ci sono , loro dicono che ci sono 5 milioni di italiani poveri in italia: dimostramelo e tutti I baretti la sera piena di gente pub e bar affollati dove stanno questi poveri? io lo so anche se vivo in America Io vi guardo da lontano in America non esiste questo per avere I soldi dall Inps devi aver un record che hai lavorato e riceverai una percentuale Ma solo per un anno non mi ricordo ora il 75% di quanto prendevi ed in quell anno dovrai cercarti un lavoro , dimostrare che sei andato alle interviste ed il piu' delle volte inps Americano ti trovano loro un lavoro durante lo stesso anno ,invece questi due ministri Hanno fatto una frittata cosi' grossa in italia peggio di cosi' non poteva andare e loro insistono a restare per altri 4 anni! cittadini italiani voi che lavorate e pagate le tasse ribellatevi fate una lotta ma sono sicura che non tutti si aderiranno perche' quasi ogniuno di voi ha un parente che ha percepito la manna dal cielo Il reddito di cittadinanza non vero? Delusa in Texas Napoletana expat per grazia ricevuta
2019-06-16 11:34:07
Come volevasi dimostrare....

QUICKMAP