Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rita De Crescenzo, l'assessore Trapanese replica sui social: «Noi stiamo con gli assistenti sociali»

Mercoledì 3 Agosto 2022
Rita De Crescenzo, l'assessore Trapanese replica sui social: «Noi stiamo con gli assistenti sociali»

«Noi stiamo con gli assistenti sociali». È netto Luca Trapanese, assessore alle politiche sociali del Comune di Napoli. E risponde così alla polemica scatenata dalla tiktoker Rita De Crescenzo dopo la fuga di suo figlio minore da una comunità di Battipaglia. 

«In questi giorni - dice in un video postato sui socia - una nostra assistente sociale si è trovata ingiustamente coinvolta in un vero attacco mediatico. Sentiamo il bisogno, come amministrazione, di sostenere sempre i nostri servizi sociali che ringrazio personalmente per il faticoso lavoro quotidiano», è il post dell’assessore Trapanese che replica così alle accuse dalla tiktoker seguita da migliaia di follower. 

«Sono qui anche come padre - dice Trapanese - Dobbiamo affrontare la questione molto delicata di Rita De Crescenzo e di suo figlio, innanzitutto chiarendo da subito che siamo con l’assistente sociale che da anni cura questo caso, un caso difficile, complesso, che ha visto più volte una serie di segnalazioni della Procura dei minori, e più volte ha visto impegnata l’assistente sociale nella proposta di soluzioni alternative all’allontanamento. Purtroppo queste soluzioni non sono state mai considerate. La verità che noi vediamo sui social non è la verità, quello che ci viene raccontato da una madre che prova dolore è la sua verità, ma la situazione è molto più complessa e noi non possiamo raccontarla perché c’è un segreto professionale e c’è la privacy, ma quando il tribunale decide di togliere un giovane alla famiglia è perché si sono provate tante strade e quelle strade hanno fallito».

Ultimo aggiornamento: 4 Agosto, 00:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA