Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sorelle sfregiate con l'acido a Napoli, la zia resta in carcere: ora si cercano i complici

Martedì 21 Giugno 2022
Sorelle sfregiate con l'acido a Napoli, la zia resta in carcere: ora si cercano i complici

Resta in carcere la zia 19enne della due sorelle di 17 e 23 anni sfregiate con l'acido nel quartiere Sanità di Napoli la notte tra il 29 e il 30 maggio scorsi. Lo ha deciso il Tribunale del Riesame al quale la giovane si è rivolta attraverso l'avvocato Bernardo Scarfò.

Alla zia delle due sorelle la Procura di Napoli, precisamente la sezione «fasce deboli» coordinata dal procuratore aggiunto Raffaello Falcone, contesta il reato di «deformazione dell'aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso» in concorso.

LEGGI ANCHE Sorelle sfregiate a Napoli: «Ma quell'acido non riuscirà a cancellare il mio sorriso»

La donna, dallo scorso 31 maggio, è chiusa nel carcere femminile di Pozzuoli. L'attività investigativa si occuperà adesso, di individuare eventuali ed ulteriori responsabilità: insieme con la 19enne, infatti, quella notte, entrarono in azione, in sella a tre scooter anche altre persone.

Video

Ultimo aggiornamento: 22 Giugno, 07:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA