Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Campania, approvata la legge su organizzazione del consiglio regionale

Lunedì 18 Luglio 2022
Campania, approvata la legge su organizzazione del consiglio regionale

Il consiglio regionale della Campania, presieduto da Gennaro Oliviero, ha approvato a maggioranza, con il voto favorevole di Forza Italia e Fratelli d'Italia, il voto contrario della consigliera Maria Muscarà e del Movimento 5 Stelle e la non partecipazione al voto della Lega, la proposta di legge «Disposizioni in materia di organizzazione del consiglio regionale». Sui 36 votanti, 31 sono stati i voti favorevoli, un voto contrario, tre astenuti. «La proposta di legge è finalizzata alla razionalizzazione organizzativa, al contenimento e controllo della spesa anche mediante accorpamento e soppressione delle strutture esistenti, nell'ottica del perseguimento degli obiettivi di efficienza, efficacia, economicità dell'azione amministrativa e di rispondenza dei risultati dell'attività amministrativa e della gestione agli indirizzi politico programmatici», ha spiegato il consigliere Andrea Volpe, questore alle finanze del consiglio regionale della Campania.  I regolamenti di organizzazione del consiglio regionale sono deliberati dall'ufficio di presidenza, anche per specifici settori, e trasmessi alla commissione consiliare permanente competente in materia di Affari istituzionali e alla Commissione consiliare permanente competente in materia di bilancio e finanze, che rendono palese il parere nel termine di 15 giorni dalla loro assegnazione.

 «Trovo pericoloso che si voglia esautorare la commissione dal proprio ruolo che, oggi, esprime parere obbligatorio e non vincolante sulle modifiche ordinamentali, e trovo tra l'altro surreale che tra i firmatari ci sia proprio il presidente della stessa Commissione che, così, contribuisce all'esautoramento del ruolo della Commissione», ha sottolineato Muscarà.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA