Circolo Canottieri, adesso si tratta: vicino l'accordo con il Demanio

di Paolo Barbuto

Ventiquattr'ore dopo l'esplosione del «caso Canottieri», al Molosiglio si respira un'aria pesante. A dire la verità la tensione si taglia con il coltello già dalla fine di gennaio quando il presidente Ventura ha presentato le sue dimissioni durante un'infuocata riunione del direttivo. Sul tavolo la questione del canone da versare al Demanio per il fitto della sede: una storia delicata e complessa che, a sentire i sussurri della Canottieri, sarebbe diventata lo spunto per una guerra intestina.

Il redde rationem è previsto per domenica prossima quando, alle 18, si riunirà l'assemblea dei soci del circolo con un ordine del giorno stringato ma preciso: relazione del presidente e procedure per l'elezione di un nuovo presidente. Ma è così scontato che il nuovo presidente non possa essere quello che ha appena presentato le dimissioni?
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 12 Febbraio 2019, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP