Napoli, settanta tablet a ragazzi disabili: avvocati e associazioni in campo

Giovedì 14 Maggio 2020 di Leandro Del Gaudio
Portare almeno settanta tablet a persone disabili, per garantire loro continuità didattica rispetto al lavoro formativo vissuto prima dell’emergenza coronavirus. A farsi protagonista di questa iniziativa, è Luca Trapanese, presidente dell’associazione A ruota libera, che da dieci anni si sta occupando di disabilità, nel tentativo di accudire chi si trova in una condizione di handicap. Ora più che mai viene data forza a una iniziativa di sostegno di disabili che hanno perso i loro punti di riferimento storici.

LEGGI ANCHE Imprese e famiglie, ecco gli aiuti 

A ruota libera onlus, assieme all’associazione Giovani avvocati ex adverso e Sos computer ha dato forza a un progetto sulla piattaforma “go fund me”: settanta tablet per costruire una continuità didattica, riaccendere la luce della conoscenza, del gioco formativo e della costruzione della propria identità. In questi giorni - spiega l’avvocato Andrea Fabozzo - sono stati consegnati i primi dieci tablet, in una missione che punta a valorizzare sostegni e contributi della parte sana della società civile. 
Ultimo aggiornamento: 15 Maggio, 10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA