Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Brindisi, picchia e acceca la moglie davanti ai figli minorenni, poi fugge: loro la salvano

Venerdì 18 Marzo 2022 di Antonio Calitri
Picchia e acceca la moglie davanti ai figli minorenni, poi fugge: loro la salvano

BRINDISI Ha aggredito la moglie durante lite accecandola e facendole perdere l’uso dell’occhio sinistro. Un atto orribile, sconsiderato. E le ferite avrebbero potuto portare anche alla morte per dissanguamento della donna se i figli, spaventati dalle urla della madre, non avessero prontamente chiamato il 118. La violenza, l’ennesima sulle donne e all’interno di un rapporto di coppia, è avvenuta due notti fa a Carovigno, in provincia di Brindisi, comune di 16 mila abitanti nel cuore della Valle d’Itria, che ieri si è svegliato sotto shock, tanto che in molti sui social non volevano neppure sapere chi fosse stato l’autore di tanta violenza, temendo di conoscerlo.

 
Tutto è cominciato con quella che sembrava una delle tante liti della coppia, che ha due figli minorenni, avvenuta all’interno del loro appartamento in piena notte. Secondo le ricostruzioni degli investigatori, i toni si sono alzati durante una discussione. Sembrava una delle tante: i figli che riposavano nell’altra stanza all’inizio non si sono allarmati. Poi la situazione è degenerata. Il marito, quarantenne, ha afferrato la donna per i capelli per non farla fuggire e poi l’ha colpita più volte al viso, sbattendola per terra. Al culmine della violenza le avrebbe infilato le dita nell’occhio sinistro, perforandole l’orbita e provocando un’emorragia. Su questo punto probabilmente in fase di processo ci sarà da discutere: un atto volontario o la conseguenza delle percosse? Di certo, con la donna a terra in un lago di sangue, l’uomo, invece di chiamare i soccorsi, è uscito di casa, si è messo in macchina ed è fuggito via.

 
I SOCCORSI
Attirati dalle urla della donna, i due ragazzi si sono alzati dal letto e sono corsi dalla madre. Si sono resi conto della gravità delle sue condizioni e hanno chiamato il 118, salvandole probabilmente la vita. Portata in codice rosso all’ospedale Perrino di Brindisi, adesso la donna è ricoverata in prognosi riservata e con la sola certezza di aver perso l’occhio sinistro. I Carabinieri, appena allertati dai sanitari, si sono messo subito sulle tracce dell’uomo. L’hanno individuato di lì a poco e bloccato. Pare non abbiamo fatto resistenza. Poi il pm di turno ne ha disposto l’arresto: è stato condotto in carcere per maltrattamenti in famiglia e lesioni gravissime.

 
SUI SOCIAL
Nel paese c’è molta indignazione. Su Facebook ad esempio, insieme a tanti insulti contro l’autore della violenza, c’è chi scrive che «gli animali feroci si mettono in gabbia. Niente giustifica un crimine simile, penso che avrò difficoltà a trovarsi un avvocato per assisterlo». E c’è chi afferma: «Ho quasi paura di domandarmi chi è questa Belva!». Dall’inizio dell’anno nel sud della Puglia sono già diversi i casi di violenza sulle donne che hanno conquistato le cronache. Da Giuseppe Argese, ex consigliere comunale di Brindisi, che una settimana fa ha aggredito a coltellate la moglie mentre dormiva e poi si è tolto la vita, al 36enne di Massafra (Taranto) che il mese scorso è stato bloccato dai Carabinieri mentre picchiava la moglie davanti ai figli. 
 

Ultimo aggiornamento: 07:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA