Elena Pellegrini morta in Trentino mentre faceva “bouldering”: scivolata sulle rocce, aveva 26 anni

La ragazza stava facendo arrampicata su grossi massi rocciosi con alcuni amici

Lunedì 25 Ottobre 2021
Elena Pellegrini morta in Trentino mentre faceva bouldering : scivolata sulle rocce, aveva 26 anni

Dramma in Trentino. Elena Pellegrini, 26 anni, è morta in Val Daone mentre era con alcuni amici. Secondo una prima ricostruzione, la ragazza si trovava poco a monte del lago per praticare bouldering, l'arrampicata su grossi massi rocciosi, quando si è allontanata temporaneamente dal gruppo senza più fare ritorno. Non vedendola tornare, gli amici hanno allertato il 112 intorno alle 17.

 

Elena Pellegrini è scivolata e morta sulle rocce

 

Immediatamente sono riprese le ricerche che si sono focalizzate nell'area che si sviluppa attorno ai massi dove il gruppo stava facendo bouldering e lungo il greto del fiume Chiese, dove i soccorritori, intorno alle 17.40 hanno trovato il corpo senza vita della giovane. Fatali le ferite riportare dopo essere scivolata per diversi metri lungo un pendio caratterizzato anche da grossi massi rocciosi. Sul posto è volato l'elicottero di Trentino Emergenza, che ha sbarcato il Tecnico di Elisoccorso e il medico, il quale non ha potuto fare altro che constatare il decesso della ragazza.

Andrea Cembali si sporge per scattare un selfie, ma precipita nel burrone e muore: aveva 29 anni

Francesca Mirarchi, la scomparsa, la foto all'alba e la morte: oggi i funerali della 19enne di Lissone

Chi era - Elena Pellegrini era nata a Milano. Dopo la laurea in lingue e letteratura straniera, dal 2020 si era trasferita a Maranello per amore. Nella città della Ferrari infatti abita il fidanzato Enrico, videomaker freelance. Erano insieme da nove anni. Elena insegnava spagnolo come supplente all’istituto Baggi di Sassuolo e al Luosi di Mirandola. Venerdì sera la coppia, insieme al alcuni amici, era partita per la Val Daone.

Elicottero precipitato a Campo Felice, Ettore tradito dalla montagna che amava tanto

«Doveva essere un weekend all’insegna dello sport in un posto incontaminato. Una tragedia assurda – ha commentato sconvolto il fidanzato, che con Elena condivideva la passione per l’arrampicata – Conoscevamo quel luogo abbastanza bene, ci eravamo stati altre volte. Abbiamo fatto escursioni più difficili, non riesco a comprendere come possa essere successa una trageda che mi ha spezzato il cuore». Il cordoglio alla famiglia della ragazza arriva anche dal sindaco di Maranello Luigi Zironi. «Il nostro pensiero – scrive il primo cittadino – va al dolore indescrivibile che stanno affrontando».

Ultimo aggiornamento: 16:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA