«Forza Vesuvio», leghista assolta: «È solo ignoranza, vale anche negli stadi»

3
  • 339
Ha usato in forma «sgradevole e rozza» un «luogo comune intriso più di ignoranza che di dato ideologico», senza mettere in atto, però, alcuna «condotta propagandistica». Lo scrive la Corte d'Appello di Milano nel motivare l'assoluzione dell'ex consigliera provinciale di Monza in quota Lega Nord, Donatella Galli, che era stata condannata in primo grado a venti giorni di reclusione e poi prosciolta, lo scorso novembre, per aver pubblicato su Facebook nel 2012 un post con su scritto «Forza Etna, forza Vesuvio, forza Marsili», augurandosi «una catastrofe naturale nel centro-sud Italia». Galli era accusata, in particolare, di aver propagandato «idee fondate sulla superiorità razziale ed etnica degli italiani settentrionali rispetto ai meridionali» e di «discriminazione razziale ed etnica». Il processo era scaturito dalla denuncia dell'avvocato Angelo Pisani, assistito dal legale Sergio Pisani, parte civile in qualità di presidente della Ottava Municipalità di Napoli. Per la Corte, tuttavia, come si legge nelle motivazioni, «l'imputata si è limitata a lasciare un commento ad un post altrui» nel quale era pubblicata una «fotografia dell'Italia 'dimezzata'». E ha dato sì un «individuale e soggettivo contributo» ad un «luogo comune intriso» di ignoranza, ma la sua non fu propaganda di idee razziste. Secondo la Corte (Ondei-Puccinelli-Nunnari), tra l'altro, c'è «identica rozzezza e sgradevolezza» negli «slogan beceri» che si sentono negli stadi con «invocazioni verso i vulcani presenti al Sud» contro le «popolazioni residenti nel Meridione», ma anche questi slogan hanno «scarsa attitudine alla 'propagandà ideologica».

«Sono senza parole, è tutto molto triste e incredibile, ci vuole grande forza per andare avanti». È questo il commento dell'avvocato Angelo Pisani nel leggere le motivazioni della sentenza. «Sapevo, come s'insegna anche ai bambini, che la legge non ammette ignoranza - continua Pisani -. Ma non ci fermeremo davanti a questa sentenza, solleciteremo la procura generale a ricorrere in Cassazione e cercheremo giustizia in ogni sede giudiziaria per la tutela dei fondamentali principi e valori del nostro ordinamento e soprattutto della nostra vita».
Mercoledì 16 Gennaio 2019, 20:03 - Ultimo aggiornamento: 16-01-2019 21:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-01-17 17:38:44
perchè meravigliarsi? A codesta peersona cui certamente il termine "signora" non si addice posso solo fare presente qualcosa che certamente ignora, ossia che analfabeti lo siamo per nascita, ignoranti solo per scelta.
2019-01-17 14:50:15
chiamiamola ignoranza, questo lo sapevamo che lo fossero è il loro biglietto da visita ,ma c'è molto di più!!!
2019-01-16 22:12:22
x la gioia dei napoletani che fanno la corte a salvini.....VERGOGNATEVI!!!!!!!!

QUICKMAP