Il maltempo flagella l'Italia da nord a sud: crolla muro a Firenze, morta una donna. Treni sospesi e frane

Martedì 5 Ottobre 2021
Il maltempo flagella l'Italia da nord a sud: crolla muro a Firenze, treni sospesi e frane. Da giovedì rischio alluvioni

La perturbazione atlantica - battezzata Christian - che sta già interessando l'Italia continuerà a determinare condizioni di maltempo anche nelle prossime ore su buona parte del Paese, con piogge, temporali e venti forti.

Le previsioni

Forte maltempo per tutta la settimana, e da giovedì addirittura previsto rischio alluvioni in parte del Nord e delle regioni adriatiche. Dopo la prima perturbazione che ha provocato numerose esondazioni di fiumi e torrenti tra Liguria e Piemonte, informa Stefano Ghetti, meteorologo del sito www.iLMeteo.it, «nel corso della settimana si formerà un pericoloso vortice ciclonico. Fino a domani sarà soprattutto il Centronord a essere colpito da precipitazioni a tratti abbondanti, soprattutto sui settori alpini, prealpini e appenninici. Da giovedì - aggiunge - l'ingresso di venti freddi di Bora, Grecale e poi Tramontana innescherà la formazione di un ciclone mediterraneo che dal Nordest si sposterà verso Sud passando per il Mar Tirreno». Sotto nubifragi e rischio alluvionale, precisa il meteorologo de iLMeteo.it, «si troveranno inizialmente il basso Veneto e l'Emilia Romagna, poi le regioni adriatiche centro-meridionali dall'Abruzzo alla Puglia e la Campania. Con l'arrivo dei venti settentrionali le temperature crolleranno bruscamente su tutte le regioni, anche di 10 gradi nei valori notturni che, quanto meno al Nord, andranno facilmente sotto gli 8 gradi. Infine, nel weekend giungerà un nuovo vortice con altro maltempo e venti forti.

Maltempo in Liguria, esonda il fiume Letimbro nel Savonese

Maltempo, allerta rossa su Liguria, Lombardia e Piemonte. Forti temporali previsti anche a Roma

Ore 18.30 È morta all'ospedale di Careggi la donna di 49 anni investita questa mattina dal crollo di un muro a Calenzano (Firenze). La donna, dopo l'arrivo al pronto soccorso era stata ricoverata in terapia intensiva, nel pomeriggio è deceduta a causa delle gravi lesioni riportate.

La donna deceduta era residente nella zona, stava camminando lungo la strada quando è stata investita dal crollo improvviso di una porzione alta circa due metri e mezzo e lunga 60. Le cause del cedimento sono in corso di accertamento da parte dei vigili del fuoco. Il muro delimita il parco di una villa disabitata da tempo. Secondo quanto appreso, di recente l'edificio è stato acquistato da un medico statunitense. La nuova proprietà tuttavia non aveva ancora iniziato i lavori di ristrutturazione dell'immobile. Le autorità stanno contattando il proprietario negli Usa per intimargli di procedere alla messa in sicurezza della porzione di muro di cinta rimasta in piedi. La strada dove si è verificato il crollo da questa mattina è chiusa al traffico, anche pedonale.

Ore 10.33 Crolla un muro in pietra a Calenzano (Firenze) e una persona è rimasta ferita. È successo in via del Dietro Poggio questa mattina, dove stanno intervenendo i vigili del fuoco del comando di Firenze. È smottato un muro in pietra per una lunghezza di circa 60 metri e un'altezza di 2,5 metri. Il ferito è stato preso in carico dai sanitari del 118. Le squadre dei vigili del fuoco stanno verificando che non siano rimaste coinvolte nel crollo altre persone e per questo motivo si stanno portando sul posto anche mezzi meccanici per la rimozione delle macerie, uno dei quali proveniente dal comando di Prato. 

Ore 9.36 Sono circa un centinaio gli interventi della polizia locale a Roma a causa della forte pioggia caduta nella notte. Le pattuglie hanno provveduto alla messa in sicurezza di alcune aree con chiusura momentanea di strade interessate da allagamenti e caduta rami o alberi e al rilievo di eventuali danni causati dal maltempo. I principali interventi hanno riguardato le zone di Castel Fusano, Primavalle, in particolare via Pietro Bembo. Inoltre via Guglielmo Marconi, altezza via C. Colombo, via delle Vigne, via Roberto Marcolongo, via Don Primo Mazzolari, via Clivo di Scauro, via delle Fornaci e via Appia Pignatelli. Ancora in atto il servizio di vigilanza e agevolazione della viabilità da parte dei caschi bianchi su tutto il territorio capitolino. 

Ore 8.56 E' temporaneamente chiuso il tratto lungo la strada statale 35 Dei Giovi, nel comune di Ronco Scrivia, in entrambe le direzioni, a causa di una frana nell'area metropolitana di Genova. Sul sito stradale sono caduti fango e detriti. Chiuso, sempre per frana e sempre nel genovese anche un tratto della statale del Turchino, in entrambe le direzioni. Lo si legge in una nota dell'Anas. Sul posto sono presenti il personale di Anas e le Forze dell'Ordine per consentire le operazioni di ripristino e della normale transitabilità appena possibile. 

Ore 8.52 Una stazione allegata con conseguente interruzione di una tratta ferroviaria, partenze soppresse e inevitabili ritardi. Il maltempo che sta interessando la Campania, sta creando forti problemi ai pendolari che si servono dei treni della Circumvesuviana. Come annunciato dall'Ente Autonomo Volturno, «causa allagamento della stazione di Scafati (Salerno), al momento la circolazione sulla tratta Pompei santuario-Poggiomarino è interrotta. I treni in programma da Poggiomarino partono da Pompei». Soppressi i treni delle 6.49 da Scafati verso Poggiomarino e quello delle 8.04 sulla tratta inversa. Cancellati anche i convogli delle 7.47 in partenza da Napoli verso Poggiomarino e quello delle 9.16 diretto da Poggiomarino a Napoli. Soppressione anche per i treni delle 8 che da Napoli era diretto a Sorrento e quello programmato alle 10 da Sorrento verso il capoluogo campano. 

 

Ore 8.45 Per il maltempo si è verificata la caduta di cavi dell'alta tensione nella zona di Civitavecchia. E' accaduto in via Tirso dove sono intervenuti alle 00.30 i vigili del fuoco di Civitavecchia, alla presa con una nottata impegnativa con numerosi interventi. Probabilmente a causa delle avverse condizioni meteo i cavi sono caduti in via Tirso e nel sottostante raccordo autostradale che collega il porto a Viterbo. Gli uomini della caserma Bonifazi, coadiuvati dalla polizia stradale e da una volante del commissariato, hanno bloccato le strade per evitarne l'avvicinamento. Il personale Enel e Terna ha provveduto a verificare la mancanza di tensione. Successivamente, messa in sicurezza l'area, verso le 4, i Vigili del fuoco hanno dovuto rispondere ad altri interventi dovuti alla forte pioggia. 

Ore 8.41 Trenitalia informa in una nota che la circolazione ferroviaria è sospesa dalle 1.50 di questa notte sulla linea Roma-Napoli, via Formia (FL7) nel tratto fra Roma Casilina e Latina, e sulla linea Roma-Nettuno (FL8) *per danni provocati dal maltempo. Durante il forte temporale un fulmine ha provocato l'incendio di una cabina cavi nei pressi di Torricola, con conseguenti danni agli impianti di circolazione dei treni. I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) sono intervenuti nella notte per verificare le condizioni dell'infrastruttura e sono al lavoro per ripristinare le condizioni di sicurezza e riattivare la circolazione. In corso la riprogrammazione dell'offerta commerciale con deviazione del traffico via Cassino e attivato un servizio di bus sostitutivi tra le stazioni di Roma Termini e Latina e tra Roma Termini e Nettuno. Predisposti i servizi di Smart Caring e attivato il servizio di Customer Care nelle stazioni di Roma Termini, Campoleone, Nettuno, Aprilia e Latina. 

Ore 7.36 Continua a piovere sul Piemonte, dove permane l'allerta rossa per rischio idrogeologico ed idraulico nella zona centro-orientale della regione. Nelle ultime tre ore le precipitazioni, a carattere di rovescio, hanno fatto registrare i picchi più significativi tra Torinese e Biellese. In base alle rilevazioni dell'Arpa, i picchi più significativi sono stati registrati nel Torinese a Graglia (65,2 millimetri, 98 millimetri in 6 ore), Varisella (62,4 mm, 89,6 in 6 ore), e Pian Audi (55,8 mm), mentre nel Biellese a Oropa nelle ultime tre ore sono caduti 49,1 millimetri di pioggia. «Scuole chiuse ad Alessandria» e in numerosi altri centri della provincia, «strade e tratte ferroviarie ancora chiuse tra Piemonte e Liguria», scrive su Twitter Marco Gabusi, assessore alla Protezione civile della Regione Piemonte che «sta portando soccorso in tutte le zone colpite». Aperta a Torino la Sala Operativa in modalità H24. 

Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre, 10:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA