Morto il maestro del cesello Giuseppe Pancione, fu ospite di Giovanni Paolo II

Venerdì 14 Agosto 2020 di Berardo Lupacchini
Morto il maestro del cesello Giuseppe Pancione, fu ospite di Giovanni Paolo II
Il maestro del cesello se n’è andato. A 90 anni è scomparso il professor Giuseppe Pancione, uno degli storici artisti di una Penne che grazie al suo istituto d’arte ne ha illuminati tanti. E fra questi ha brillato Pancione, sposato con la signora Maria Cristina e con due figli, Dino e Luigi. Ieri pomeriggio il funerale. Una figura, la sua, piuttosto significativa. Le sue opere sono esposte anche a Berlino, in Vaticano, al duomo di Monaco di Baviera. In questi giorni è in corso a Guardiagrele la rassegna sull’artigianato in cui si possono ammirare alcune sue creazioni.

Aveva appreso l’arte dello sbalzo e del cesello dal professor Castagna ad Enna dove andò ad insegnare dopo un periodo trascorso a Firenze: in quella città si recò dopo aver conseguito il diploma al “Mario dei Fiori” di Penne. Poi l’esperienza a Fermo. Pancione era un maestro abile nella oggettistica sacra e nella decorazione delle vesti dei sacerdoti che officiano le messe. Ne donò una a papa Giovanni Paolo II di cui fu ospite. «Un artista di respiro internazionale. Un figlio di Penne che a volte non sa di averne di questo spessore. Giuseppe Pancione riusciva con pochissimo a creare dei pezzi di valore assoluto», commenta il professor Candido Greco, storico. Ultimo aggiornamento: 09:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA