Il netturbino getta i rifiuti per strada: scatta l'indagine dopo video su Fb

Giovedì 11 Agosto 2016
Il netturbino getta i rifiuti per strada: scatta l'indagine dopo video su Fb

Dopo che nei giorni scorsi è stato 'postato' sui social network e ripreso da alcune testate giornalistiche online un video su un presunto operatore Rap, l'azienda di igiene ambientale di Palermo, che getta i rifiuti per strada l'azienda di piazzetta Cairoli ha avviato una verifica interna e richiesto l'intervento dell'autorità giudiziaria.

Il video mostrava una persona non identificabile che prima spargeva per terra alcuni sacchetti contenuti in un cestino e poi rimontava su un mezzo scarrabile. «Quanto mostrato dal video - afferma il presidente della Rap, Roberto Dolce - è gravissimo e ove fosse accertato che a compierlo è stato un nostro dipendente non esiteremo a prendere i provvedimenti adeguati e necessari». Da una indagine interna all'azienda disposta dal presidente, però, non risulta che alcun mezzo di quel tipo fosse in servizio quel giorno, né che fossero previsti interventi in quella specifica via il 28 luglio.
 

Poiché dalle immagini caricate online non risulta possibile identificare né il conducente né il mezzo, la Rap ha presentato un esposto all'autorità giudiziaria, chiedendo che si proceda all'acquisizione del video originale ripreso da quella che appare essere una telecamera di sorveglianza. È stato, inoltre, chiesto di acquisire i video relativi al giorno antecedente e al giorno successivo, in modo da poter identificare, oltre che l'uomo autore del gesto, coloro che hanno abbandonato sacchetti di rifiuti in un cestino gettacarta, in una zona della città servita dal servizio di raccolta differenziata «Porta a porta».

Una richiesta di rendere disponibili i video è stata già inoltrata anche al cittadino che aveva inizialmente postato online le prime riprese. «La Rap è stata sempre attenta alla condotta dei propri dipendenti - afferma il presidente Dolce - e ha sanzionato anche severamente i comportamenti di quella minoranza che non ha rispettato i propri doveri. In questo caso come in tutti gli altri, prima di prendere provvedimenti, vogliamo acquisire tutti i dati necessari». «E vogliamo anche mettere a frutto il senso civico di chi ha voluto segnalare un comportamento palesemente irregolare sul nostro territorio, chiedendone la collaborazione affinché siano individuati tutti gli autori di tutti i comportamenti irregolari di questa vicenda» conclude Dolce.

Ultimo aggiornamento: 12 Agosto, 17:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA