Patente auto, scadenza prorogata: per il rinnovo c'è tempo fino al 29 luglio. Tutte le novità

Sabato 23 Gennaio 2021 di Sergio Troise
La patenti

ROMA - Patenti in scadenza, cambiano le date della proroga: la validità (anche dei fogli rosa) in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 30 aprile 2021 è stata estesa fino al 29 luglio 2021. Essendo stato allungato fino al 30 aprile 2021 lo stato d’emergenza legato al perdurare della pandemia, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha emanato giovedì 21 gennaio una circolare (la numero 2143) con le nuove date. Del resto non poteva essere altrimenti, visto che il tutto si ricollega a quanto stabilito dal cosiddetto Decreto Cura Italia, in base al quale “tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e la data della dichiarazione di cessazione dello stato d’emergenza epidemiologica da COVID-19 conservano la loro validità per i 90 giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato d’emergenza”.

Revisione auto, patente e bollo: novità e regole 2021, cosa c'è da sapere

La validità delle patenti di guida rilasciate in Italia con scadenza compresa dal 31 gennaio 2020 al 30 aprile 2021 è prorogata dunque – vale la pena sottolinearlo - fino al 29 luglio 2021. Attenzione, però: sarà bene ricordare due cose: che la proroga non contempla anche il valore della patente come documento di riconoscimento (in questo caso la scadenza rimane fissata al 30 aprile) e, soprattutto, che tutto ciò riguarda la circolazione sul nostro territorio con patenti rilasciate in Italia: la guida negli altri paesi dell’UE resta disciplinata dal regolamento europeo 2020/698 che consente di circolare oltrefrontiera fino a 7 mesi oltre la scadenza indicata sulla patente, ma solo per i documenti con scadenza compresa tra l’1 febbraio e il 31 agosto 2020. Ciò detto, non mancano eccezioni, legate alle decisioni di alcuni stati membri dell’Unione Europea (Spagna, Irlanda, Lussemburgo, Estonia, Lettonia, Lituania, Slovenia) che non hanno aderito alla concertazione del regolamento europeo sulle patenti.

La circolare ministeriale del 21 gennaio ha aggiornato, come detto, anche la normativa in materia di foglio rosa ed esami di abilitazione alla guida. Il termine di 6 mesi per superare l’esame di teoria, decorrente dalla data di presentazione della domanda per il conseguimento della patente stessa, è stato prorogato di ulteriori 6 mesi per tutte le domande presentate e accettate dal primo gennaio al 31 dicembre 2020. I fogli rosa in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 30 aprile 2021 sono stati prorogati fino al 90° giorno successivo alla cessazione dello stato d’emergenza, attualmente fissata al 30 aprile 2021. Di conseguenza la validità dei fogli rosa è per adesso estesa al 29 luglio 2021. Un altro aggiornamento riguarda i tempi relativi al riporto sul foglio rosa dell’esito dell’esame di teoria: a decorrere dal 30 luglio 2021 i candidati con foglio rosa scaduto tra il 31 gennaio 2020 e il 30 aprile 2021 (prorogato al 29 luglio) hanno 2 mesi di tempo per richiedere il riporto dell’esame di teoria.

L’aggiornamento della normativa riguarda anche i certificati medici rilasciati per essere allegati alle domande di conseguimento della patente. Le scadenze (trimestrali o semestrali) relative ai termini del 31 gennaio e del 30 aprile 2021 confermano la validità fino al 90° giorno successivo alla cessazione dello stato d’emergenza, e quindi fino al 29 luglio 2021. L’aggiornamento dei tempi riguarda anche i permessi provvisori di guida rilasciati ai titolari di patente di guida che devono sottoporsi ad accertamento sanitario presso le commissioni mediche locali, in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 30 aprile 2021. Anche per queste pratiche, dunque, il nuovo termine è fissato, al momento, al 29 luglio 2021.

Disposizioni aggiornate riguardano anche le CQC (carte di qualificazione del conducente) e i certificati di abilitazione professionale (CAP), con disposizioni differenti in base al territorio di rilascio (Italia o altri Paesi europei). Un attento esame di quanto previsto dalla circolare 2143 del MIT eviterà d’incorrere in violazioni.

Ultimo aggiornamento: 24 Gennaio, 14:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA